Cronaca Zona Universitaria / Piazza Giuseppe Verdi

Graffiti sul Teatro sul Comunale, inchiesta: "Individuare gli attivisti del collettivo"

Guai in vista per i collettivi che ieri hanno dipinto un murale sulla facciata del Teatro Comunale in risposta alla rimozione dell'albero Photinia

cua

Guai in vista per i writers che ieri hanno "riqualificato" il Teatro Comunale con graffiti a firma Phonia. La Procura di Bologna ha aperto un'inchiesta per danneggiamento aggravato e sta lavorando per individuare gli attivisti del collettivo Cua, responsabili dei graffiti dipinti ieri sulla facciata del teatro comunale. Del fascicolo si occupa il pm Antonello Gustapane che ha delegato gli accertamenti alla Digos: sono già state acquisite le immagini delle telecamere della zona e si ritiene che a breve si arriverà all'identificazione degli autori. Intanto, sono state denunciate dieci persone che ieri, all'arrivo di una volante, quando il murales era ormai realizzato, si sono rifiutate di fornire documenti d'identità.

Il danneggiamento è un reato perseguibile d'ufficio, aggravato dal fatto che il bene è esposto alla pubblica fede e si trova in centro storico. Per ripulire la parete occorrerà probabilmente un intervento di restauro. ''E' stupefacente - ha commentato il procuratore aggiunto e portavoce della Procura, Valter Giovannini - come nonostante le denunce, le indagini e le campagne di sensibilizzazione si continui a considerare i muri di questa città come cosa propria, sulla quale tutto è consentito, dimenticando che invece si tratta di beni della collettività''.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Graffiti sul Teatro sul Comunale, inchiesta: "Individuare gli attivisti del collettivo"

BolognaToday è in caricamento