Cronaca

Idrocarburi: Stop alle trivellazioni nella aree colpite dal terremoto

Lo stabilisce un documento approvato all'unanimità dall'Assemblea legislativa dell'Emilia-Romagna. L'atto esclude anche la possibilità di ricerca anche per lo 'shale gas'

Stop alle nuove trivellazioni in cerca di idrocarburi nella aree in Emilia Romagna colpite dal terremoto nel 2012. Il blocco rimarrà fino all'esito dello studio della commissione tecnico-scientifica istituita per valutare le correlazione tra scosse telluriche e scavi profondi.

Lo stabilisce un documento approvato all'unanimità dall'Assemblea legislativa dell'Emilia-Romagna, che formalizza la già espressa intenzione della Giunta regionale. Il documento è una risoluzione della Lega nord.

La risoluzione emendata esclude la possibilità di ricerca anche per lo 'shale gas', nel ripetere che la Regione non ha mai dato l'assenso a modalità di ricerca ed estrazione di gas diverse da quelle convenzionali, largamente conosciute e sperimentate secondo il principio di sicurezza e precauzione totale.

La Regione ribadisce così la totale contrarietà all'estrazione di questo gas non convenzionale e rimanda qualsiasi decisione che riguardi i territori colpiti dal sisma alle conclusioni della commissione tecnico-scientifica che valuta le possibili relazioni tra la ricerca di idrocarburi e l'attività sismica in Emilia-Romagna.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Idrocarburi: Stop alle trivellazioni nella aree colpite dal terremoto

BolognaToday è in caricamento