Sabato, 31 Luglio 2021
Cronaca Via Lavino

Zola Predosa, parcheggiatori abusivi al mercato Lavino: scatta 'retata'

4 in arresto dopo il blitz odierno, che arriva inseguito alle numerose lamentele dei cittadini circa la presenza di abusivi nella zona. Il sindaco Fiorini: 'Fondamentale la massima collaborazione fra cittadini e forze dell'ordine'

Il sindaco Fiorini

Blitz dei Carabinieri e della Polizia Municipale nel corso della mattinata odierna durante il consueto mercato settimanale a  Lavino (Zola Predosa). L'operazione ha portato all'arresto di 4 parcheggiatore abusivi.
Lo rende noto l'amministrazione comunale di Zola, aggiungendo che il Sindaco Stefano Fiorini e l’Assessore alle Attività Produttive Marco Landucci, già nelle settimane scorse avevano ricevuto diverse segnalazioni di persone che si aggiravano nel parcheggio del mercato e che svolgevano, dietro richiesta di denaro, il compito di parcheggiatore. Segnalata sul posto anche la presenza di altri questuanti che, a fronte di velate minacce, riferisce ancora il Comune, importunavano i cittadini con richieste di denaro.

“Grazie quindi ad un’azione congiunta e sinergica di 4 pattuglie dei Carabinieri e di 2 pattuglie della Polizia municipale, cui va il nostro plauso, riteniamo di aver dato una risposta positiva ai tanti frequentatori del mercato di Lavino", dicono all’unisono sindaco ed assessore, i cui ringraziamenti vanno anche "a tutti  i cittadini per la collaborazione offerta ed invitiamo tutti a segnalare l’eventuale prosecuzione di  attività illecite”.

Fiorini ha sottolineato che "è fondamentale, per l’ottenimento di una sempre maggiore sicurezza di tutti i cittadini, il rispetto delle regole e la massima collaborazione fra cittadini e forze dell’ordine: in questo caso, possiamo dire” di aver centrato l’ obiettivo proprio grazie alla segnalazione di cittadini attenti e rispettosi delle regole e del proprio territorio.”      

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Zola Predosa, parcheggiatori abusivi al mercato Lavino: scatta 'retata'

BolognaToday è in caricamento