Cronaca

Omicidio di Budrio, sangue del killer anche nel secondo delitto

Gli accertamenti del Ris sulle tracce ematiche confermano: chi ha ucciso Davide Fabbri è la stessa persona che ha abbandonato il furgoncino dopo la fuga dal secondo omicidio a Portomaggiore

Stesso sangue, stesso killer. I Carabinieri del RIs hanno terminato le analisi dei campioni del Dna, e ora è ufficiale: chi ha ucciso il barista alla Riccardina di Budrio Davide Fabbri è la stessa persona che una settimana dopo ha freddato la guardia ecologica volontaria Valerio Verri a Portomaggiore, nel ferrarese. 

Questo preziosissimo collegamento, utile alle indagini condotte sia dalla Procura di Bologna che quella di Ferrara, tra i due delitti, è avvenuto alla fine delle comparazioni tra due tracce di sangue: la prima, presa dalle macchie lasciate dal killer di Fabbri fuori dal bar, e la seconda sul Fiorino rubato e abbandonato a Molinella, sabato scorso dal killer dopo aver avvistato un posto di blocco.

Intanto proseguono le ricerche a tappeto per Igor Vaclavic-Norbert Feher, cittadino serbo di 41 anni. Il coordinamento delle ricerche ha già fatto sapere che ci vorranno ancora giorni per avere risultati.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Omicidio di Budrio, sangue del killer anche nel secondo delitto

BolognaToday è in caricamento