Picchia il figlio con il mattarello: il ragazzo chiama il telefono azzurro e lo fa arrestare

Ora l'uomo è ai domiciliari presso un'altra abitazione. Per l'adolescente quidici giorni di prognosi

Ha chiamato prima il Telefono azzurro, poi ha confermato la versione davanti ai Carabinieri. Forte prova di lucidità per un ragazzo 15enne, ferito dal padre a colpi di mattarello nel pomeriggio di ieri.

L'episodio è andato in scena in casa: la Onlus, una volta ricevuta la chiamata, la ha 'girata' alla centrale operativa del 112 che sul posto ha mandato una pattuglia. Arrivati al domicilio, un piccolo paese della Bassa, assieme al ragazzo e al padre, i militari hanno trovato anche la madre e la sorellina.

Di fronte all’evidenza dei fatti e al coraggio del ragazzino, il padre ha ammesso le proprie responsabilità, sostenendo di essersi fatto “prendere la mano” per "educare meglio" il figlio che, nei fatti ha riportato invece quindici giorni di prognosi per traumi agli arti superiori e inferiori.

L’attrezzo è stato sequestrato dai Carabinieri e, su disposizione della Procura della Repubblica di Bologna, l’uomo è stato sottoposto agli arresti domiciliari presso un’altra abitazione. Del pari sono stati attivati anche i servizi sociali.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm, le misure in arrivo e le regioni a rischio maggiore (Emilia Romagna tra queste)

  • Nuovo Dpcm: colori regioni e nuovi criteri, Emilia Romagna a rischio zona rossa?

  • Red Ronnie contro la serie su San Patrignano: "Solo aspetti negativi, ma molti sono ancora vivi grazie a Muccioli"

  • Schivata la zona rossa, l'Emilia Romagna resta arancione

  • Dpcm e zona arancione, fioccano multe per violazione del coprifuoco e uscita dai comuni di residenza

  • Bocciata alla maturità in Dad: Tar le dà ragione, esame da rifare

Torna su
BolognaToday è in caricamento