Partita di calcio juniores finisce 0 a 4, marcatore segnato con insulto razzista

L'episodio comparso nel tabellino online, poi rimosso. Società esprime sdegno, il sindaco di Calderara premierà il giocatore

L'immagine pubblicata dalla squadra in trasferta

Il classico insulto razzista, scritto a fianco delle marcature. E' quanto denuncia la squadra Airone di Calderara, che punta il dito contro chi, dopo la partita di sabato in trasferta contro lo Sporting Pianorese degli juniores ha fatto riportare ad alcuni siti online la marcatura con l'ignominioso epiteto. Destinatario dell'insulto uno tra i quattro marcatori, un centravanti.

"E' comprensibile che la sconfitta possa bruciare e le scintille in campo sfociare in rabbia. Ma vomitare odio razziale addosso agli avversari è un segnale bruttissimo" si legge sulla pagina Facebook dell'Airone.

Dopo la segnalazione della società i portali che riportavano la dicitura hanno rimosso e riportato i cognomi dei legittimi marcatori. La notizia è però rimbalzata online.

Il Sindaco di Calderara Giampiero Falzone, nel condannare questo episodio, esprime "vicinanza alla società 'Airone Calcio' e al ragazzo, vittima degli idioti di turno che meritano di essere chiamati per nome, da isolare senza se e senza ma. Al ragazzo, che mi dicono essere un grande bomber, al prossimo Consiglio Comunale consegnerò, insieme all'Assessore allo sport Maria Linda Caffarri, il gagliardetto del Comune a nome di tutta la cittadinanza, invitandolo ovviamente insieme a tutta la società: per testimoniare che noi ci siamo e ci saremo sempre contro ogni forma di discriminazione”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Meteo, previsioni per il fine settimana: tornano pioggia e neve

  • Sardine, il 19 gennaio 6 ore di musica e riflessioni: ecco chi salirà sul palco di Piazza VIII agosto

  • Cade dalle scale mentre scende dalla Torre Asinelli: soccorsi sul posto

  • Incidente a San Lazzaro: 20enne investito sulle strisce

  • Vuole offrire da bere agli 'amici': invece di ringraziarlo lo aggrediscono e lo rapinano

  • Lutto in città, se ne va la mitica 'Agnese delle cocomere'

Torna su
BolognaToday è in caricamento