Patrick Zaki, la famiglia ringrazia i sostenitori: "Siete diventati tutti più di una famiglia"

Festività lontana dalla famiglia, i genitori dello studente Unibo tornano a parlare via social

Festività in carcere, lontano dalla sua famiglia, per Patrick Zaki, lo studente Unibo arrestato in Egitto per propaganda sovversiva. E durante i giorni di festa i genitori, che non perdono la speranza di riabbracciare presto il proprio figlio, hanno voluto rivolgere un augurio e un ringraziamento a quanti in questi lunghi mesi hanno abbracciato la causa dello studente egiziano.

"Durante quest'anno  - scrivono via Facebook -siete diventati tutti più di una famiglia per noi. In questo giorno santo non desideriamo nulla se non avere Patrick a casa con noi e anche se non è questa la realtà che viviamo, speriamo che tutti passino una festa benedetta con i propri cari e si prendano un momento per apprezzare i ricordi, troppo facilmente dati per scontati".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm, le misure in arrivo e le regioni a rischio maggiore (Emilia Romagna tra queste)

  • Nuovo Dpcm: colori regioni e nuovi criteri, Emilia Romagna a rischio zona rossa?

  • Red Ronnie contro la serie su San Patrignano: "Solo aspetti negativi, ma molti sono ancora vivi grazie a Muccioli"

  • Schivata la zona rossa, l'Emilia Romagna resta arancione

  • Dpcm e zona arancione, fioccano multe per violazione del coprifuoco e uscita dai comuni di residenza

  • Nuovo Dpcm, seconde case e nuove regole: tutte le risposte

Torna su
BolognaToday è in caricamento