Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

All'autodromo di Imola un murales di Kobra dedicato ad Ayrton Senna\VIDEO

A portare il famoso artista brasiliano a Imola, il RestArt Urban Festival dell’associazione Noi Giovani

 

Il festival di rigenerazione urbana RestArt lo ha portato a Imola e lui ha regalato alla città un murales con l’immagine del grande campione di Formula 1 Ayrton Senna, che segnerà la pista dell’Autodromo Enzo e Dino Ferrari, la stessa dove Ayrton se n’è andato, il primo maggio di 25 anni fa. 

L’autore è il famoso street artist brasiliano Eduardo Kobra, invitato in Italia dall’associazione Noi Giovani, un gruppo di ragazzi che- grazie al festival di rigenerazione urbana RestArt- ha dato un volto nuovo alla città, scegliendo ogni anno un luogo diverso da rivivere e migliorare. La VII edizione di RestArt si è conclusa proprio con l’avvio dei lavori di Kobra, street artist internazionale, nato a San Paolo - come Senna - e cresciuto in Brasile, famoso nel mondo per i suoi murales colorati e per l’attivismo su temi come la guerra e il cambiamento climatico. Insieme ai suoi assistenti Agnaldo Brito e Marcos Rafael, Kobra ha dipinto la facciata del MAICC, Museo Multimediale Autodromo di Imola Checco Costa, che sta ospitando proprio la mostra intitolata “Ayrton Magico, l’anima oltre i limiti”. 

È il suo terzo murales dedicato al pilota brasiliano, dopo i capolavori di San Paolo e Rio De Janeiro, e la quarta volta in Italia, ma è la prima in cui Kobra rappresenta il Brasile nella nostra nazione, disegnando il volto di Ayrton Senna, che lui stesso definisce come “il più grande campione brasiliano di sempre”.

La descrizione del murales

Kobra ha scelto di ritrarre Senna mentre guarda la pista con le dita puntate verso l’alto, ringraziando Dio. “Il pilota è stato un esempio di applicazione, duro lavoro e fede in Dio - spiega lo street artist -. È un simbolo brasiliano, di cui siamo molto orgogliosi e che ci serve da ispirazione. Un dettaglio del murales è la bandiera dell’Austria, che ho inserito nel casco. Nella triste gara in cui ha perso la vita, Senna voleva onorare il collega austriaco Ratzenberger, deceduto nello stesso circuito, quello stesso fine settimana del 1994. La storia di Senna è presente sulla fascia gialla del casco, in cui mostro l’inizio della sua carriera sui kart”. La tecnica usata da Kobra è solo quella dello spray e smalti da compressore, dopo aver suddiviso la parete in tanti quadrati, dove ad ogni quadrato corrisponde un colore o sfumatura e diversa.

(Crediti video: Video realizzato da Loris Fanigliulo - Shutter Production, Riprese aeree di Dymon)

Potrebbe Interessarti

Torna su
BolognaToday è in caricamento