Cronaca Parco della Montagnola

Eroina in Montagnola: ancora due 'pusher' fermati, 17 diversi alias usati per delinquere

Alla vista degli agenti di Polizia lì per un servizio di controllo, si sono dati alla fuga, cercando di disfarsi dello stupefacente. Due volanti alla calcagna: presi. All'attivo una lunga lista di precedenti e condanne: vari i reati messi a segno, sfruttando false identità

Nuovo fermo per spaccio di droga al parco della Montagnola, nel cuore della città. ieri pomeriggio due 'pusher' sono stati 'pizzicati ' in flagrante: hanno tentato invano di sfuggire agli agenti di polizia, ma alla fine sono stati raggiunti e denunciati.

Nei guai sono finiti due cittadini tunisini - classe 1983 e 1987 - entrambi gravati da una fitta lista di precedenti, di svariata materia. Contavano rispettivamente ben 17  e 12 diversi alias - false identità con cui hanno agito, mettendo a segno reati vari sul nostro territorio. Diverse anche le condanne guadagnate, nonchè tutti e due erano gravati da un'ordine di espulsione - non ottemperato - perchè sprovvisti del permesso di soggiorno.

I due stranieri sono stati avvistati da una pattuglia della polizia, intorno alle 14 di ieri, durante una operazione di controllo in zona. Mentre gli agenti hanno fatto per avvicinarsi, i due hanno immediatamente imboccato la via di fuga, scappando a piedi per le vie limitrofe del parco cittadino. Sul posto è stata allertata una seconda volante, a supporto: così entrambi i fuggiaschi - che nello scappare si erano separati - sono infine stati raggiunti. Nella fuga, uno di loro aveva tentato, invano, di liberarsi di due involucri di cellophane, poi recuperati. All'interno erano custodite alcune dosi di eroina, pari ad un totale di quasi 4 grammi.
A quel punto i due sono stati denunciati per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente, nonchè messi a disposizione dell'Ufficio stranieri, inquanto gravati da decreto di espulsione.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Eroina in Montagnola: ancora due 'pusher' fermati, 17 diversi alias usati per delinquere

BolognaToday è in caricamento