Cronaca

Strage Lampedusa, Bologna indignata. IDV: 'Europa si assuma responsabilità'

Parole di dolore dal Sindaco Merola, alle quali fanno eco quelle di Barbati, che invoca un sistema di prevenzione e cooperazione dal respiro internazionale: 'Leggi repressive non servono più'

All'indomani della tragedia che si è consumata al largo delle acque di Lampedusa, dove sono morti oltre un centinaio di immigrati (e sarebbero più di 200 i dispersi), tra cui molte donne e bambini, si leva lo sdegno di Bologna per le vittime e l'accaduto.

L'Amministrazione rende noto che prenderà parte alla  manifestazione indetta da Arci Bologna,  Libera  Bologna, Cgil, Cisl e Uil,  in programma sabato 5 ottobre  alle ore 16 in piazza Nettuno, per smuovere le coscienze e le istituzioni affinchè tragedie come questa non si ripetano. "Un'immane  tragedia,  che  interroga  la coscienza di tutti noi - ha dichiarato  Virginio  Merola,  Sindaco  di  Bologna  -  La  notizia del naufragio di un  barcone carico di migranti avvenuto al largo della costa di Lampedusa mi ha  profondamente  addolorato.  E  il  dolore  è ancora più forte se si pensa a  quanto  accaduto  solo  pochi giorni fa nel ragusano. Questa situazione non  può  più essere ignorata da un Paese civile e democratico come il nostro. I  responsabili  di questa tratta vanno immediatamente fermati. L'Europa e gli  Stati  del  Nord  Africa hanno il dovere di risolvere una situazione che si  protrae  ormai  da troppi anni, e che ha lasciato dietro di se' migliaia di  morti.  Auspico  una  risoluzione  internazionale che riporti normalità nel  Mediterraneo, affinché non sia mai più scenario di morte".

Alle parole di Merola fanno eco quelle dell'Idv cittadino. “Stringe il cuore - dice Liana Barbati, Responsabile nazionale Laboratorio Diritti Civili - guardare le operazioni di recupero a Lampedusa: una conta di morti senza fine, tra i quali ci sarebbero anche molti bambini e alcune donne incinta. Uno spettacolo osceno che periodicamente si ripete sulle nostre coste e spiagge in maniera sempre più devastante e terribile. Come Italia dei Valori abbiamo sempre denunciato i profondi errori della legge Bossi-Fini, una legge xenofoba e dannosa, ma a onor del vero in questa occasione conta poco l’impostazione sbagliata delle nostre politiche di immigrazione” dichiara Liana Barbati, responsabile nazionale del Laboratorio Diritti Civili per l’Italia dei Valori.

Poi dall'Italia dei Valori l'attacco si volge all’Europa "si assuma le sue responsabilità - continua Barbati - le amministrazioni locali non possono supplire a una mancanza di supporto e scelte politiche a livello europeo che si sentirà sempre di più. Non può essere un problema solo italiano se in mare aperto muoiono più di un centinaio di persone partite pochi giorni prima con un sogno di riscatto” prosegue la presidente del gruppo assembleare in Regione."

“La Corte europea dei diritti umani di Strasburgo ci ha già condannato, all'unanimità, per i respingimenti in mare poco meno di un anno fa. È chiaro che dobbiamo cambiare e in fretta",  conclude Barbati promuovendo un sistema di monitoraggio, prevenzione e cooperazione dal respiro internazionale e osteggiando le leggi repressive, che "non ne servono più. Se non si risponde alla miseria, alla fame, alla paura di queste persone continueremo ad assistere alle carneficine nelle nostre acque”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Strage Lampedusa, Bologna indignata. IDV: 'Europa si assuma responsabilità'

BolognaToday è in caricamento