Garisenda: sei mesi di cantiere per 'stabilizzare' la Torre

L'assessore Gieri: "Nessun problema di stabilità legato agli autobus"

Saranno dei nastri d'acciaio, cavi e catene ad 'ancorare' la Garisenda. Questo perché la Torre, già transennata, sarà consolidata a breve con un intervento straordinario da 145.000 euro, affidato al consorzio Corma, che durera' circa 180 giorni, in pratica sei mesi. Ne ha parlato oggi nel corso di un question time,  l'assessore Virginia Gieri.

E' stato il consulente incaricato dal Comune a luglio a progettare l'intervento, che comprende anche una sistemazione 'definitiva' del basamento della torre, simbolo della citta' insieme alla Asinelli.

Il progetto è stato autorizzato dalla Soprintendenza il 23 ottobre scorso, e ora il cantiere è in fase di consegna. I sensori già installati sulla torre, tra l'altro, hanno registrato il terremoto del Mugello, a 50 chilometri di distanza, anche se "l'ampiezza delle vibrazioni è stata piuttosto bassa

Nessun problema di stabilità, invece, legata agli autobus: "Il problema non esiste- riferisce Gieri- nel senso che la velocità media dei autobus che passano sotto le torri e' di 12 chilometri all'ora, talmente bassa la velocita' che non interferisce con la stabilita'. Gli elementi critici sono tutti collegati alla struttura in se'".

Agenzia Dire

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mezza Italia (Emilia Romagna compresa) verso il 'giallo'. Bonaccini: "Per Natale soluzioni che evitino il tana libera tutti"

  • Il Covid fa la sua prima vittima fra i sanitari del S.Orsola: morto a 59 anni l'infermiere Sergio Bonazzi

  • Siglata nuova ordinanza. Riaperture negozi, corsi e lezioni di ginnastica a scuola: ecco cosa cambia

  • Giornata del Parkinson, le neurologhe: "Per combattere la malattia, tre tipi di terapie avanzate"

  • Dati Covid confortanti: l'Emilia-Romagna verso la zona gialla (ma non subito)

  • Scatta oggi la nuova ordinanza: le restrizioni si allentano, cambiano le regole del commercio

Torna su
BolognaToday è in caricamento