Martedì, 16 Luglio 2024
Cronaca San Benedetto Val di Sambro

Variante Valico: coro di Stop ai lavori. Autostrade: 'Nessun pericolo'

Torna a tranquillizzare sulla sicurezza intorno alle aree interessate dai lavori la società autostrade: 'L'a1 é in completa efficienza". Ma dai Verdi a Idv al M5S solleciti a chiudere cantieri

Da un lato i geologi parlano di una estensione della frana causata dai lavori della galleria Sparvo per la Variante di Valico, con "segnali di un possibile coinvolgimento di almeno un pilastro della autostrada esistente", l'Autosole appenninica nel Bolognese. Dall'altro c'è Autostrade che tranquillizza: "L'A1 appenninica, nel Bolognese, é in completa efficienza" e "non sussiste alcun tipo di pericolo". Parole che non rincuorano gli animi, così si alza un coro di invocazioni - da Idv, Sel-Verdi, grillini, allo stop immediato dei cantieri.

Il nodo è la frana messa in movimento molti mesi fa dai lavori della galleria Sparvo per la Variante di valico alla A1, che ha già danneggiato l'abitato di Ripoli Santa Maria Maddalena e che ora, dopo l'aggiornamento dei rilievi reso noto lunedì, "conferma il progressivo ampliamento della zona interessata dalle deformazioni". Le mappe all'interno del rapporto dei geologi mostrano l'area di pericolo tratteggiata in rosso che rasenta appunto il Viadotto Rio della Piazza. Nelle scorse settimane l'Assemblea legislativa dell'Emilia-Romagna chiese all'unanimità alla Giunta di sollecitare lo stop ai lavori della galleria fino alle conclusioni delle indagini aperte dalla Procura di Bologna. Oggi, dopo l'aggiornamento geologico, Sel-Verdi, Idv e 'grillini' vorrebbero fermare subito i lavori. Se ne occuperà venerdì un vertice in Prefettura con Autostrade, Hera, Carabinieri, Vigili del fuoco, Enti locali e la Regione, che oggi fa sapere di non voler commentare. Lo fa Autostrade e in modo asciutto: "non sussiste alcun pericolo".

In tanti i partiti avversi all'avanzata del progetto. Sel-Verdi, Idv e i 'grillini' chiedono che la Giunta regionale solleciti lo stop dei lavori della galleria Sparvo. Se ne parlerà in una riunione in Prefettura venerdì alle 11, ma tutte le tre formazioni politiche bacchettano il sindaco di San Benedetto Val di Sambro, Gianluca Stefanini, che - nonostante i geologi parlino di "segnali di un possibile coinvolgimento di almeno un pilastro della autostrada esistente" - rinvia ogni decisione a quella riunione, dove torneranno a incontrarsi, con il prefetto Angelo Tranfaglia, la società Autostrade, Hera, Carabinieri, Vigili del fuoco, Enti locali e la Regione. Quest'ultima conferma la presenza degli assessori ai trasporti Alfredo Peri e alla Protezione civile Paola Gazzolo, ma fa sapere di non voler commentare per ora. Sandro Mandini (Idv) aveva chiesto ieri proprio l'intervento del sindaco, accanto a quello del prefetto, "in modo deciso e tempestivo per arrivare a fermare i lavori", perché "quanto rilevato dai geologi della Regione dimostra, al di là di ogni ragionevole dubbio, la stretta relazione causa-effetto tra i lavori di perforazione e la frana che si sta tuttora muovendo".

Per Gian Guido Naldi (Sel-Verdi), si dovrebbe "adottare un principio di precauzione e fermare i lavori per attendere la conclusione delle indagini della Procura e per compiere un monitoraggio capillare delle criticità sollevate in questi mesi dai cittadini e da esperti". Proprio la posizione unanime presa nelle scorse settimane dall'Assemblea legislativa, ricorda. Il rinvio a venerdì "ha fatto arrabbiare" poi il capogruppo grillino in Regione, Andrea Defranceschi, che ieri aveva diffuso l'aggiornamento dei geologi e oggi commenta che se non ci fosse pericolo non avrebbe senso "sfollare i cittadini dalle case a rischio", come è stato già fatto.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Variante Valico: coro di Stop ai lavori. Autostrade: 'Nessun pericolo'
BolognaToday è in caricamento