Dalla Città Metropolitana, 3mila euro a fondo perduto per imprese sostenibili e giovani

Due le parole d'ordine, under 35 e sviluppo sostenibile, prerequisiti che porteranno a selezionare di due imprese

C’è tempo fino al 13 novembre per candidare i progetti al Premio Barresi 2020, che rientra tra le iniziative sull’Agenda 2030 messe in campo dalla Città Metropolitana. 

Due le parole d'ordine, under 35 e sviluppo sostenibile, prerequisiti che porteranno a selezionare due imprese che riceveranno un contributo a fondo perduto di 3.000 euro ciascuna.

A chi è rivolto

Il Premio è rivolto alle micro e piccole imprese già costituite, attive e regolarmente iscritte al Registro Imprese, guidate da persone con un’età media inferiore ai 35 anni alla data di scadenza del bando, con sede legale e operativa nel territorio della città metropolitana di Bologna alla data del 1° luglio 2020.

Qui tutte le informazioni sul Premio, il bando e la modulistica

Le imprese candidate dovranno avere finalità e modalità di lavoro orientate alla sostenibilità nell’accezione integrata promossa dalle Nazioni Unite attraverso l’Agenda 2030. In particolare, il Premio Barresi intende sostenere progetti d'impresa ben definiti, che presentino una strategia chiara, progetti di sviluppo coerenti e modalità di previsione e monitoraggio degli impatti sociali, economici ed ambientali prodotti. Il bando favorirà inoltre le imprese con una vision futura ambiziosa, incentrata su idee innovative e originali strettamente legate allo sviluppo sostenibile.

Cos’è il Premio Barresi

Istituito dalla Città metropolitana nel 2016 per ricordare Antonio Barresi, responsabile del servizio Progetti d’impresa prematuramente scomparso, il Premio nasce come una sezione speciale di Incredibol, rivolto a realtà imprenditoriali e liberi professionisti del settore culturale e creativo, da quest’anno diventa invece “autonomo”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, bollettino 24 novembre: +2.501, per la prima volta flessione sui contagi settimanali

  • Coronavirus Emilia-Romagna: il virus picchia duro, nell'imolese morto un 45enne

  • Il Covid fa la sua prima vittima fra i sanitari del S.Orsola: morto a 59 anni l'infermiere Sergio Bonazzi

  • Siglata nuova ordinanza. Riaperture negozi, corsi e lezioni di ginnastica a scuola: ecco cosa cambia

  • Dati Covid confortanti: l'Emilia-Romagna verso la zona gialla (ma non subito)

  • Mangia la pizza e finisce in ospedale con un filo metallico nell'esofago: due denunce

Torna su
BolognaToday è in caricamento