Economia

Il Governo sospende l'Imu, ma a Bologna passa dal 4 al 5%: vale 23 mln

Come annunciato, il consiglio comunale ha approvato l'aumento dell'aliquota Imu prima casa che passa quindi dal 4 al 5%: suscettibile di cambiamenti in base alle decisioni del Governo

In attesa di capire se e come si concretizzeranno gli annunci di Enrico Letta, il comune di Bologna punta ad approvare il bilancio 2012 "il prima possibile". Lo aveva ribadito la vicesindaco, con delega al bilancio, Silvia Giannini perché "non c'é un testo o un decreto, o delle norme... Da chi sostiene l'abolizione dell'Imu prima abitazione o di tutta addirittura, a chi invece pensa a revisioni che vadano soprattutto nella direzione di evitare l'imposizione o comunque abbassarla notevolmente per chi è in condizioni di particolare disagio, o ancora ad ipotesi di revisione".

La sospensione della rata Imu di giugno vuole dire 23 milioni di euro". Giannini aveva ricordato che dalla prima abitazione il Comune di Bologna incassa ad aliquota base del 4 per mille, 46 milioni di euro, e che ha comunque rimarcato che la giunta "procedera' per il bene della città", auspicando anche del fatto che essendoci due sindaci ministro, Delrio e Zanonato, ci sia sensibilità e consapevolezza di che cosa vuole dire per i Comuni non avere l'incasso" del gettito Imu.

Oggi, il consiglio comunale ha dunque approvato l'aumento Imu prima casa a maggioranza, con i voti del centrosinistra e con quelli contrari di centrodestra e Movimento Cinque Stelle. L'aliquota passa quindi dal 4 al 5%, ma rimane, come ribadito più volte dalla vicesindaco Silvia Giannini, suscettibili di cambiamenti in base alle decisioni del Governo.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Governo sospende l'Imu, ma a Bologna passa dal 4 al 5%: vale 23 mln

BolognaToday è in caricamento