In tempo di Covid il teatro si trasforma in museo: 3 milioni di mattoncini e 40 opere che fanno tornare bambini

L'artista si chiama Riccardo Zangelmi ed è l’unico italiano riconosciuto dalla Lego. Cosa lo ispira? Quanto ci mette a realizzare un'opera e quanti mattoncini gli servono? "80 mila pezzi per una scultura grande e tre settimane di lavoro"

Il "ciuccio" gigante

Metti un teatro chiuso per cause di forza maggiore e trasformalo in una enorme sala espositiva per ospitare una mostra fatta di coloratissimi mattoncini che prendono vita nei personaggi immaginati da Riccardo Zangelmi: un effetto wow che comincia con un sub e finiscono con il bellissimo unicorno-arcobaleno. Si chiama Brick Art la mostra che apre domani, giovedì 8 ottobre, al teatro Celebrazioni: foyer, corridoi, platea e persino il palco è invaso dalle quaranta opere realizzate dall'unico italiano a essere stato riconosciuto come artista da Lego Group.

“La condanna peggiore per un teatro è restare chiuso. Un teatro dev’essere abitato, vissuto, frequentato dal suo pubblico. Il teatro è un luogo speciale fatto di relazioni e di condivisione delle emozioni in cui la presenza umana è imprescindibile. Se è ancora presto pensare di poter ricominciare con lo spettacolo dal vivo, il Teatro Celebrazioni riparte con coraggio dall’arte tramutandosi temporaneamente in una grande sala espositiva. In oltre 1200 mq, foyer, sala e tutto il palcoscenico si trasformeranno in un nuovo spazio da scoprire con la mostra dell’artista Riccardo Zangelmi. In teatro, durante tutto il percorso dell’esposizione, il visitatore potrà sentirsi in un ambiente sicuro grazie al rispetto delle disposizioni governative di sicurezza” dichiara Filippo Vernassa, direttore del Teatro Celebrazioni.

Anteprima della mostra: il video 

La mostra è un inno alla gioia: un mondo colorato e fantastico, capace di coinvolgere e far sognare grandi e piccini e perfetto per dei selfie decisamente originali. Ci sono scoiattolini che regalano cuoricini (rigorosamente realizzati con i mattoncini), coccodrilloni, capre a pois, un coniglio che spunta dal cappello e installazioni giganti come l'unicorno e il ciuccio: "Un omaggio alle 250 nascite al minuto con 250 ciucci. Quello gigante, per un discorso di pesi e proporzioni, è stato l'opera più difficile". 

“Oggi non basta sognare, oggi serve il coraggio  di sognare e non smettere mai" - Riccardo Zangelmi

Le informazioni sulla mostra: orari, prezzi, prenotazioni

La mostra sarà aperta dall’8 ottobre all’8 dicembre 2020: il giovedì dalle ore 15.00 alle ore 20.00; il venerdì, sabato e domenica dalle 11.00 alle 20.00 ed eccezionalmente lunedì 7 e martedì 8 dicembre, dalle ore 11.00 alle ore 20.00.  Ultimo ingresso consentito un’ora prima dell’orario di chiusura. Il prezzo intero del biglietto è di 12 euro. Possibilità di biglietto Open: serve per visitare la mostra in un giorno di apertura, senza decidere la data al momento dell’acquisto; ideale nel caso in cui si regali il biglietto per la mostra. Il suo utilizzo è vincolato alla disponibilità della capienza nella fascia oraria scelta e costa 14 euro. Durante i giorni e gli orari di apertura della mostra (oltre che il mercoledì dalle ore 15.00 alle ore 19.00) sarà possibile acquistare i biglietti direttamene al botteghino presso il Teatro Celebrazioni, in Via Saragozza 234 a Bologna.

Chi è Riccardo Zangelmi: unico italiano riconosciuto da Lego

Nato il 25 settembre 1981 a Reggio Emilia, Riccardo Zangelmi trascorre la sua giovinezza a studiare musica e giocare con i LEGO®, mostrando da subito molta creatività e immaginazione. In seguito studia come perito agrario e inizia a lavorare come giardiniere, dando anche in quel settore sfogo a grande fantasia. All’età di 30 anni torna alla passione mai sopita per le costruzioni e per l’utilizzo artistico dei mattoncini facendo sì che le sue opere vengano notate da LEGO® group. Da amatore diventa così professionista, ottenendo nel 2016 la certificazione proprio dal gruppo LEGO ®.Oggi Zangelmi è l’unico artista italiano riconosciuto da Lego®insieme a soli altri sedici artisti nel mondo.

                              

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, bollettino 24 novembre: +2.501, per la prima volta flessione sui contagi settimanali

  • Emilia-Romagna verso la zona gialla, Donini: "Aspettiamo una settimana"

  • Coronavirus Emilia-Romagna: il virus picchia duro, nell'imolese morto un 45enne

  • Nuova ordinanza regionale: confermate le misure, altre attività aperte nei prefestivi

  • Covid Bologna ed Emilia-Romagna, il bollettino: l'epidemia rallenta, ma ci sono 50 morti

  • Mangia la pizza e finisce in ospedale con un filo metallico nell'esofago: due denunce

Torna su
BolognaToday è in caricamento