Politica

Imu, appello di Merola. Lega "Solo noi pronti a lottare davvero"

Il sindaco ha firmato con gli altri sindaci delle città metropolitane un appello contro l'Imu ai comuni, già tartassati. Lega: "Udc, Pdl e grillini dicono no alla protesta forte. Noi pronti alla battaglia"

Il sindaco di Bologna, Virginio Merola, ha promosso un appello dei  sindaci delle Città metropolitane, a sostegno delle proposte dell'Anci, affinché il Governo esenti i Comuni dal pagamento dellImu per gli immobili comunali. Ma c’è chi crede non basti, come il leghista Manes Bernardini, che aveva proposto l’occupazione del Consiglio Comunale. Baldini, Fli: “12 milioni a carico dei soliti cittadini”.

“I sindaci  delle città metropolitane – scrivono i sindaci - rivolgono al Governo e al Parlamento un  pressante  invito  a  modificare  la  disciplina dell'IMU contenuta nel decreto  legge  n.201/2011 (legge 214/2011) e ad accogliere gli emendamenti presentati  dall'Associazione  Nazionale  dei  Comuni Italiani nel decreto legge n.16/2012 varato dal Governo, e attualmente  in corso di conversione al Senato. Va in  particolare  modificata  la  norma  del  decreto  che  sottopone  a tassazione IMU i beni di proprietà comunale, che erano esenti dall’ICI e dall’IMU a regime prevista dal d.lgs. n.23/2011 sul federalismo municipale.Con  questa  norma  il Comuni  avranno l’obbligo di  versare  allo Stato il 50%  del relativo   gettito  e,  per  l’altra  metà,  vedranno  ridursi ulteriormente  il  Fondo  sperimentale di  riequilibrio, già  oggetto  di ripetuti  tagli”. 

L’APPELLO DEI SINDACI. L’appello  è  stato  sottoscritto  dai  sindaci: Virginio Merola (Bologna), Michele  Emiliano (Bari), Massimo Zedda (Cagliari), Matteo Renzi (Firenze), Giuliano  Pisapia  (Milano),  Luigi  De  Magistris  (Napoli), Piero Fassino (Torino),  Roberto  Cosolini  (Trieste),  Gianni  Alemanno (Roma) e Giorgio Orsoni (Venezia).

TASSA SU CASE POPOLARI DEL COMUNE. I  Comuni  dovranno  pagare allo Stato l’IMU sulle case popolari di loro  proprietà;  la  stessa  cosa  dovranno fare  i  vari Istituti  Case Popolari  presenti nei Comuni italiani. “Si  tratta di una norma profondamente ingiusta che toglie ulteriori risorse ai Comuni e mette in ulteriore grande difficoltà gli enti locali che hanno maggiormente investito sulle politiche per la casa. E' questo il caso dei grandi  Comuni  che  hanno un cospicuo patrimonio di edilizia residenziale pubblica”.

LA DELUSIONE DELLA LEGA. “Sinceramente mi aspettavo che tutti fossero pronti a scendere in strada – commenta Manes Bernardini, Lega Nord - e non solo per difendere le famiglie bolognesi dalla ingiusta tassa sulla casa IMU. Ma UDC, PDL, Movimento 5 stelle si appellano al bon ton e dicono NO alla protesta forte, compresa l'occupazione pacifica del consiglio comunale.....il posto dove certe decisioni vengono prese sulla testa dei cittadini! Solo la Lega e' pronta alla battaglia ad oltranza!”

BALDINI: IMMOBILI COMUNALI SFITTI CHE POSSONO PORTARE DENARO. Il finiano solleva la questione degli immobili Comunali dismessi e inproduttivi tra cui 337 appartamenti Erp sfitti. Sia venduto ciò che non produce reddito e incentivi per chi ristruttura. Sulla questione Imu per gli immobili del patrimonio del Comune interviene il finiano Daniele Baldini che con un'anilisi mirata invita il Sindaco Merola ad attivare una revisione radicale del patrimonio immobiliare che in molti casi risulta inproduttivo sotto il profilo economico oltre che sterile nel  sostegno alle famiglie in stato di bisogno come per il caso degli appartamenti Erp che ad oggi sono sfitti in attesa di assegnazione. 

Il finiano poi sottolinea che olte a ciò l'eventuale pagamento dei 12 milioni di Imu a carico delle casse comunali sono di riflesso a carico dei cittadini che già sono salassati e non sembra giusto che debbano anche pagare per gestioni non produttive del patrimonio. Una questione è quella del patrimonio immobiliare - sottolinea Baldini - che va affrontata immediatamente con la vendita di tutto ciò che non serve ed incentivi per chi acquista e ristruttura quegli immobili abbandonati  o rimette in uso locali commerciali affittati a prezzi simbolici ai tempi che furono. La cosa che più mi lascia perplesso -  conclude il finiano - è che vi sono state molte richieste di cooperative di appartenenti alla forze di Polizia per avere aree su cui costruire e non sono soddisfatte mentre oggettivamente vi sarebbe la possibilità di soddisfarle con introiti reddituali anche per il Comune.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Imu, appello di Merola. Lega "Solo noi pronti a lottare davvero"
BolognaToday è in caricamento