Martedì, 15 Giugno 2021
Politica

Proposta di cittadinanza onoraria a Patrizia Moretti, Manes Bernardini: "Marchetta!"

Oggi la proposta in Consiglio Comunale di concedere la cittadinanza onoraria alla madre di Federico Aldrovandi. I consiglieri del Carroccio abbandonano l'aula, Zacchiroli: "Lega extracomunitaria"

Il Consiglio Comunale di oggi è stato aperto dalla presidente Simona Lembi intervenuta per informare dei contatti con l'Amministrazione della città di Ferrara e con Patrizia Moretti, madre di Federico Aldrovandi, in relazione ai fatti accaduti in piazza Savonarola a Ferrara lo scorso 27 marzo, quando, alcuni esponenti del sindacato Coisp e un europarlamentare Fli Potito Salatto hanno espresso solidarietà agli agenti condannati per l'omicidio sotto l'ufficio della madre.

All'ordine del giorno, la cittadinanza onoraria a Patrizia Moretti, con motivazioni lette dal Consigliere Pd Benedetto Zacchiroli, sfocia in una dura e lunga polemica. La Lega Nord annuncia la non partecipazione al voto in quanto non tra le priorità di Bologna. I leghisti abbandonano l'aula, dopo il duro intervento del capogruppo Manes Bernardini che ha definito inopportuno il conferimento della cittadinanza onoraria, che atterrebbe quindi a Ferrara, schierandosi contro i conferimenti "a pioggia", dopo quello concesso d'imperio dalla maggioranza ai figli degli immigrati: "Motivazioni ideologiche e politiche che calpesta il rapporto con le opposizioni... Lasciamo a voi votare questa marchetta".

Di parere simile il consigliere Pdl Marco Lisei che si è detto "preoccupato per la deriva della maggioranza, prima della classe", che forza dunque le procedure poichè "ha i numeri".  Mentre è più che altro una questione di forma per il collega Michele Facci che ha condiviso il testo dell'ordine del giorno, ma che ribadisce l'intento strumentale della maggioranza.

Bologna del senso civico e non "dei tortellini e delle tagliatelle", secondo Benedetto Zacchiroli che deplora l'abbandono dell'aula della Lega Nord consdierata "extra-comunitaria" poichè fuori dalla comunità bolognese da sempre attenta alla giustizia e alla civiltà.

Ha chiesto la censura del termine "marchetta" il neo-presidente del gruppo Pd a Palazzo d'Accursio Francesco Critelli che ha definito la manifestazione Coisp "squadrista e fascista", più volte intorrotto dai Consiglieri Pdl Daniele Carella e Michele Facci per aver definito Potitto Salatto "eletto nelle fila del Popolo della Libertà", mentre l'europarlamentare milita oggi nel Fli di Gianfranco Fini.

Il 5 Stelle Massimo Bugani conferma di non aver avuto "la minima esitazione. Cittadinanza onoraria da dare a occhi chiusi".

Una borsa di studio o una giornata di racconto è la proposta di Lorenzo Tomassini, Mir, per ricordare Federico Adlrovandi e trasformare in azione collettiva la solidarietà a Patrizia Moretti.

Dopo tre ore di discussione, il consiglio comunale ha approvato la cittadinanza onoraria di Patrizia Moretti. Il sì è passato all'unanimità (19 favorevoli su 19 votanti), con i voti di Pd, Sel e Movimento Cinque Stelle mentre Pdl e Lega non hanno partecipato. E' stato votato anche un ordine del giorno di solidarietà alla Moretti, con lo stesso testo del precedente, presentato dal Pdl in polemica con la scelta della cittadinanza onoraria: il testo è passato con 25 sì su 25 votanti.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Proposta di cittadinanza onoraria a Patrizia Moretti, Manes Bernardini: "Marchetta!"

BolognaToday è in caricamento