"Qui lavorano i fascisti", cartelli indicano lo studio Lisei

Il consigliere Fdi: "Caccia al nemico, io e Bignami sommersi da minacce"

"Qui ci lavorano dei fascisti" o "No alle schedature". Così i cartelli affissi di fianco all'ingresso dello studio legale di Marco Lisei, capogruppo di Fdi al Consiglio comunale di Bologna, che ha segnalato l'episodio.

E' molto probabile che l'azione di protesta sia collegata al video in cui l'esponente di Fdi, insieme al parlamentare Galeazzo Bignami, gira tra le case popolari mostrando i nomi dei residenti di origine straniera: infatti su uno dei volntini compare la copia di un articolo sull'argomento.

Oltre alle tag, le foto che ritraggono Lisei e Bignami insieme a Giorgia Meloni, un'immagine di Bignami in divisa da nazista (era circolata qualche anno fa, ndr). Infine una scritta, in vernice rosa, che recita: "No alle schedature". Il consigliere Fdi replica: "Aperta caccia al nemico contro di noi. Io e Bignami sommersi da minacce" dopo il video suglialloggi popolari.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I 4 borghi medievali più belli nella provincia di Bologna

  • Dai colli al centro città, i sette parchi più belli di Bologna

  • Basilica di San Petronio, la chiesa più grande di Bologna: 7 cose da sapere

  • Saggezza popolare: i proverbi più amati dai bolognesi

  • Le vie di Bologna dai nomi più strani e il loro significato, che non tutti conoscono!

  • Coronavirus fase 3 | Fiere, congressi, vacanze di gruppo e viaggi in auto: Bonaccini sigla nuova ordinanza

Torna su
BolognaToday è in caricamento