Migranti da Lampedusa a Bologna, Bosco (Lega): "Cacciatori di servizi"

"Si coltiva, a spese dei contribuenti l'utopia di un mondo senza confini e ricco di opportunità". Bernini (FI): "Fenomeno migratorio ormai fuori controllo"

Non va giù a Umberto Bosco, consigliere comunale della Lega, la richiesta di aiuto ai Carabinieri della caserma navile di una famiglia di migranti tunisini.

"A Bologna l'emblema dell'accoglienza a tutti i costi scaricata sugli enti locali", scrive in una nota "la storia della famiglia di tunisini arrivati sui barconi a Lampedusa che poi hanno lasciato la struttura siciliana che li accoglieva per giungere a Bologna ed essere assistiti dai servizi comunali è l'emblema di un'immigrazione selvaggia e buonista che illude ogni anno migliaia di persone di poter emigrare e spostarsi liberamente in Europa anche se, oggi più mai, di opportunità di integrazione e lavoro non ce ne sono".

Per il consigliere si tratta dell'ennesima famiglia "che probabilmente ha speso tutti i suoi averi per pagare la traversata salvo poi finire sul groppone dei servizi sociali di una città già seriamente provata dalla crisi correlata al covid19. Così si coltiva, a spese dei contribuenti - continua - l'utopia di un mondo senza confini e ricco di opportunità ma in molti casi gli unici a guadagnarci sono i trafficanti di esseri umani. Non posso, tuttavia, biasimare la famiglia di tunisini. Il comportamento di questo Governo è un chiaro invito a partire. Mi auguro, per tutti, che la famiglia in questione venga presto e in sicurezza rimpatriata. Si tratta, senza dubbio, di migranti economici ma sarebbe più corretto chiamarli cacciatori di servizi".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"La famiglia è stata rapidamente aiutata, mediante l’attivazione del pronto intervento sociale del Comune di Bologna. Al di là dell’accoglienza dovuta, soprattutto per la presenza di minori, è opportuna qualche riflessione sull’intera vicenda che fa emergere, in tutta la sua drammatica evidenza, l’inadeguatezza della gestione del fenomeno migratorio ormai fuori controllo; gestione che nulla ha a che fare con la vera integrazione, soprattutto quando si tratta di migranti economici, come quelli provenienti dalla Tunisia. E chissà quante altre storie, quante altre situazioni simili a questa gli enti locali, e i loro servizi sociali, devono fronteggiare ogni giorno. Domande che rivolgo al Governo che, sul tema, non riesce a dare risposte tempestive e davvero efficaci". Così Anna Maria Bernini, presidente dei senatori di Forza Italia. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Come asciugare i vestiti quando fa freddo evitando quello strano odore di umido

  • E' nata la figlia di Gianluca Vacchi: ecco come si chiama. Tenera foto sui social

  • Bollettino Covid, +1.413 casi in regione e 15 morti. Salgono i ricoveri

  • Coronavirus, il piano della Regione Emilia-Romagna: "Intanto isolare famiglie con positivi"

  • Bollettino Covid, boom contagi: +1.180 casi in regione, +348 a Bologna. Altri 10 morti

  • Vince 2 milioni di euro con l'ultimo 'Gratta e vinci', il tabaccaio: "E' uscito dicendomi 'ti farò un bel regalo"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BolognaToday è in caricamento