rotate-mobile
Scuola

Scuola, cosa cambia con il nuovo Dpcm del 4 dicembre

Dal 7 gennaio 2021, il 75% della popolazione studentesca dovrà tornare alla didattica in presenza

Dal 7 gennaio gli studenti delle superiori torneranno in classe. La norma è contenuta nel nuovo Dpcm entrato in vigore ieri, 4 dicmbre, valido fino al 15 gennaio 2021. 

Scuola, cosa cambia 

Nelle scuole secondarie di secondo grado, il 100% delle attività continuerà a svolgersi per tutti gli studenti, fino alla pausa natalizia, tramite didattica digitale integrata. Dal 7 gennaio 2021, il 75% della popolazione studentesca dovrà tornare alla didattica in presenza. 

Ecco il nuovo dpcm

Nei servizi educativi per l’infanzia, nelle scuole dell’infanzia e nel primo ciclo di istruzione (scuole primarie e secondarie di I grado) la didattica continua a svolgersi integralmente in presenza. 

Le riunioni degli organi collegiali continueranno a svolgersi con modalità a distanza. 

Restano sospesi i viaggi di istruzione, le iniziative di scambio o gemellaggio, le visite guidate e le uscite didattiche, fatte salve le attività inerenti i percorsi per le competenze trasversali e per l’orientamento (PCTO). 

Il Dpcm conferma la sospensione per “lo svolgimento delle prove preselettive e scritte delle procedure concorsuali pubbliche e private”. Rimangono quindi sospese le prove del concorso straordinario per la scuola secondaria di primo grado e secondo grado che saranno comunque ricalendarizzate. 

Zone rosse 

Nelle aree caratterizzate da uno scenario di “massima gravità e da un livello di rischio alto”, cosiddette zone rosse, restano in presenza i servizi educativi per l’infanzia, la scuola dell’infanzia, la primaria e il primo anno della scuola secondaria di primo grado. Le attività didattiche in tutti gli altri casi si svolgeranno esclusivamente con modalità a distanza. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scuola, cosa cambia con il nuovo Dpcm del 4 dicembre

BolognaToday è in caricamento