Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

40 anni dell’Orsa: "Suonavamo sulle panche, un’istituzione a Bologna"

Festa in via Mentana per l'anniversario, musica e letture per ricordare la storia del locale

 

Cultura e controcultura. Punk, jazz, accademici. Studenti e turisti. Dall'Osteria dell'Orsa, in quarant'anni, ci sono passati tutti. E un libro, 40 anni di Orsa il titolo, cerca di racchiudere tutte le storie e gli aneddoti di quella che per molti musicisti negli anni Ottanta è stata una casa. Tra politica e tagliatelle al ragù.

"Prima c'era una paninoteca, il francese - racconta uno dei fondatori, Maurizio Sicuro, che insieme al fratello Giuseppe e all'amico Franco Bertocchi la rilevò nel 1979 - ci siamo buttati in quest'avventura senza saper far niente, neanche un caffé, l'unica cosa che sapevamo fare era stare insieme e attirare la gente. Accogliere, su questo si basa la storia dell'Osteria, e su questo siamo andati avanti".

Rifugio del Movimento, Sicuro e gli altri venivavo da Autonomia Operaia e il nome lo presero da un testo di Toni Negri. "Eravamo la generazione che sperava di cambiare questo paese - continua Sicuro - eravamo dalla parte giusta". 

"Tra quarant'anni? Spero di brindare e non lavorare - scherza Fabio Rodda, tra i gestori attuali dell'Orsa e curatore del volume - questo posto è un pezzo di storia di Bologna e anche uno specchio della città stessa: adesso è piena di turisti, vent'anni fa, quando sono arrivato io, piena di studenti. Quando è nata, dopo il 77, di punk, musicisti e intellettuali".

Potrebbe Interessarti

Torna su
BolognaToday è in caricamento