Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Caricamento in corso...
Caricamento dello spot...

Ordinanza via Petroni: blitz degli osti in consiglio comunale|VIDEO

Gli osti irrompono a Palazzo D'Accursio

 

Interrotti i lavori del Consiglio comunale di Bologna per protesta contro l'ordinanza del sindaco Virginio Merola che impone la chiusura alle 24. 

Nel corso della discussione di una delibera, chiedono di poter parlare in aula alzando cartelli di protesta. "Non ne possiamo piu', stiamo morendo", dice il titolare del locale, Massimiliano Bolelli, che accusa ancora una volta il Comune di discriminare gli osti di via Petroni rispetto agli esercenti in altre zone della città.

"Per noi c'è un sistema mafioso- attacca Bollelli- non possiamo fallire perchè a qualcuno fa comodo. Non guadagniamo più, non lavoriamo più, vogliamo mantenere le nostre famiglie, basta ordinanze in via Petroni perchè tutta la zona universitaria fa cagare, non solo via Petroni. Solo che in quella strada ci abitano le classi alte. Sono arrabbiatissimo, cominciate a discutere di questa ordinanza. Le vie legali non servono più perchè sono tutti collusi". Per frenare la protesta degli osti del Balanzone interviene la presidente del Consiglio comunale, Luisa Guidone, insieme al vice Marco Piazza, al capogruppo Pd Claudio Mazzanti (che proprio oggi in aula si è detto soddisfatto per i controlli dinamici delle Forze dell'ordine nella strada) e al dem Michele Campaniello. "Non è questa la sede per discuterne- dice Guidone- fateci andare avanti coi lavori. E la invito a portare rispetto". Dopo qualche altro scambio di battute, gli osti di via Petroni lasciano l'aula e il Consiglio comunale riprende dopo una interruzione di una decina di minuti. (dire) 

Potrebbe Interessarti

Torna su
BolognaToday è in caricamento