La “mitica” Bologna degli anni ‘80 rivive grazie a una mostra

Fra oli e tele riaffiorano i ricordi dei protagonisti di uno dei decenni più creativi sotto le Due Torri. La mostra, curata da Sandro Malossini, sarà inaugurata il 1° settembre dalla presidente Simonetta Saliera

La “mitica” Bologna degli anni ‘80 rivive a Marina di Ravenna grazie alla pittura. Fra oli e tele riaffiorano i ricordi dei protagonisti di uno dei decenni più creativi sotto le Due Torri: i due lustri segnati da Patrizio Roversi e Susy Blady, l’epopea del Dams e di Vito, “Bologna Sogna” e i Gemelli Ruggeri. Da Maurizio Bottarelli a Mirta Carroli, passando, fra gli altri, per Enrico Mulazzani, Maurizio Osti, Vittoria Chierici, Bruno De Angelis, Cuoghi Corsello, Vincenzo Satta e Bruno Raspanti.

La “Bologna dell’arte” degli anni ‘80 rivive in “Guardare oltre 1980-1990 dieci anni di ricerca artistica a Bologna”, mostra pittorica curata da Sandro Malossini con il patrocinio dell’Assemblea legislativa che sarà esposta dal 1° al 30 settembre alla Galleria FaroArte in Piazzale Marinai d’Italia a Marina di Ravenna. Taglio del nastro previsto alle ore 18 del 1° settembre da parte di Simonetta Saliera, presidente dell’Assemblea legislativa.

La mostra racconta di un decennio d’arte “bolognese” irripetibile, un periodo culturale che con tutte le sue espressioni portò la città di Bologna all’attenzione nazionale e internazionale. Musica, spettacolo, letteratura e arti visive nelle loro molteplici forme crearono, attorno a istituzioni come il DAMS, la GAM, ArteFiera, il più bel biglietto da visita della sperimentazione artistica in Italia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Questa mostra documenta le espressioni artistiche e le diverse personalità che operarono in ambito artistico e visivo e percorre con un linguaggio semplice, fatto di sole opere, un racconto della memoria che diventa storia”, spiega la presidente Simonetta Saliera, che ricorda come “tra il 1980 e il 1990 la città di Bologna si rese promotrice di grandi rassegne espositive sulla contemporaneità quali la storica e irripetibile ‘AnniOttanta’. La presenza delle Istituzioni accompagnò e permise il realizzarsi di eventi che formarono tanti giovani artisti permettendo loro di confrontarsi con un pubblico sempre più attento e competente”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Offerte lavoro Bologna fisso mensile

  • L'oroscopo di agosto segno per segno: ecco cosa dicono le stelle

  • Da Budrio a "Mister Italia 2020": Ruben Ganzerli tra i trentadue finalisti

  • Le 10 mostre di agosto da non perdere a Bologna

  • Temporale improvviso nel gran caldo, alberi caduti e allagamenti

  • Alto Reno, fiume invaso da fango e morìa di pesci: "Una vergogna, c'è una valanga di acqua putrida. Stiamo cercando di capire cosa sia successo"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BolognaToday è in caricamento