Fattura da 2mila euro da Ausl: 'Consenso sotto anestesia', colonscopia gratis

Il medico aveva asportato un polipo e l'azienda aveva messo in conto l'operazione

Una fattura da 2.000 euro a un cittadino che si era rivolto all'ospedale per sottoportsi a una colonscopia a sue spese. Il medico aveva trovato e asportato un polipo e l'azienda aveva messo in conto anche l'operazione. A quel punto il cittadino si eè opposto alla richiesta di pagamento, affermando, come riporta una nota della Regione, di aver acconsentito all'asportazione del polipo "quando era già sotto analgesia e di non avere comunque mai saputo, neppure in quel momento, del costo aggiuntivo che la prestazione avrebbe avuto se l'estrazione fosse stata accordata".

Il difensore civico Carlotta Marù ha chiesto ad Ausl di annullare la richiesta di pagamento, evidenziando che "il consenso rilasciato dal paziente non è valido, e, dunque, non legittima l'attività del medico, che resta arbitraria e che, al di la' dei casi in cui sussista un'urgenza terapeutica, lede il diritto all'autodeterminazione del paziente, pur quando il trattamento sia stato eseguito correttamente e nel suo interesse". Per poter essere valido, secondo il difensore civico, "il consenso deve essere sempre corredato da un'informazione puntuale, adeguata e particolarmente dettagliata" e al paziente "deve essere anche comunicato il costo della prestazione supplementare". (dire)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm, le misure in arrivo e le regioni a rischio maggiore (Emilia Romagna tra queste)

  • Emilia Romagna arancione, Speranza sigla nuova ordinanza: cosa cambia dal 10 al 15 gennaio

  • Nuovo Dpcm: colori regioni e nuovi criteri, Emilia Romagna a rischio zona rossa?

  • Red Ronnie contro la serie su San Patrignano: "Solo aspetti negativi, ma molti sono ancora vivi grazie a Muccioli"

  • Bocciata alla maturità in Dad: Tar le dà ragione, esame da rifare

  • Coronavirus, i casi del 13 gennaio: calano i contagi a Bologna e in Emilia-Romagna

Torna su
BolognaToday è in caricamento