Scontri durante comizio Forza Nuova, misure cautelari per due attivisti

Le accuse sono di resistenza a pubblico ufficiale, con calci e bastoni. Il collettivo Cua parla di intimidazione e annuncia presidio

Due giovani sono stati colpiti dalla misura cautelare del divieto di dimora nel comune di Bologna. Il provvedimento è stato notificato dalla Digos in merito al 20 maggio scorso, quando la contestazione al comizio di Roberto Fiore organizzata da collettivi e centri sociali è culminata in tafferugli e una carica della polizia.

Secondo quanto ricostruito dalla Digos, le cui indagini sono coordinate dal pm D'Ambruoso, i due, M.N., 26 anni, originario della Sardegna ma residente a Bologna, e S.D: 23 anni, residente a modena, avrebbero con calci e con l'aiuto di un bastone, cercato di sfondare il cordone di sicurezza e procurato ferite a otto agenti, refertati al termine degli scontri. Entrambi militanti dell'area autonoma, i due ragazzi risultano gravati da precedenti specifici in materia. L'indagine è supervisionata dal procuratore Capo Giuseppe Amato.

Il Collettivo Cua ha già annunciato un presidio di protesta per oggi alle 18 in piazza Verdi, e in un lungo comunicato parla di "initimidazione" e di "misura repressiva a dir poco di carattere medievale".

VIDEO| Contestazioni a Forza Nuova, scontri in centro: la polizia carica

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Meteo, previsioni per il fine settimana: tornano pioggia e neve

  • Incidente a Budrio: un morto e un ferito sulla Trasversale di Pianura

  • Vuole offrire da bere agli 'amici': invece di ringraziarlo lo aggrediscono e lo rapinano

  • People Mover, avvio il 7 marzo per la navetta veloce tra aeroporto e stazione

  • Rapina la banca, poi confessa davanti al Giudice: “Mio figlio malato, la paga da operaio non basta”

  • "Evasione fiscale da 140 milioni di euro": Maxi sequestro della Finanza, anche auto storiche di lusso

Torna su
BolognaToday è in caricamento