Lunedì, 14 Giugno 2021
Cronaca

Chiusura Consultorio familiare Castel Maggiore, cittadini sul piede di guerra: pronte azioni di protesta

Già raccolte migliaia di firme per dire 'No' al provvedimento, che vuole il trasloco della struttura a Granarolo. Si batte anche il Comune di Castel Maggiore, ma i segnali parlano chiaro: 'Utenti già iniziano ad essere indirizzati verso altre strutture'

Castel Maggiore e Argelato dicono NO alla imminente chiusura del loro Consultorio familiare, che l’Azienda USL del Distretto Pianura Est ha annunciato nei mesi scorsi. Una decisione 'inspiegabile' - dicono i rimostranti - quella di trasferire la struttura dal 'nostro Comune a Granarolo dell’Emilia.

Lo stop alle attività doveva avvenire il primo di marzo, poi sospeso per mezzo dell’opposizione dell’Amministrazione comunale e alla mobilitazione di associazioni, forze politiche e singoli cittadini, che in poche settimane hanno raccolto migliaia di firme contro il provvedimento.

Nonostante la reazione della cittadinanza e della società civile organizzata, l’AUSL - aggiungono gli oppositori del provvedimento - pare non avere alcuna intenzione di fare retromarcia, tanto che dall’inizio di marzo le lettere di convocazione per il Pap test hanno indirizzato le donne di Funo e Argelato verso le strutture di Bentivoglio e Pieve di Cento. "Noi non ci stiamo e diciamo no a questa scelta: i Consultori sono un presidio per la salute e la libertà di tutte le donne e dei cittadini".

Dunque la cittadinanza non si arrende, e annuncia prossime iniziative di protesta con il sostegno di Sinistra Ecologia per Castel Maggiore, PD Castel Maggiore - Argelato – Funo, SEL Argelato – Funo, Associazione “Rose Rosse”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Chiusura Consultorio familiare Castel Maggiore, cittadini sul piede di guerra: pronte azioni di protesta

BolognaToday è in caricamento