“Mio padre ha perso il lavoro e il frigorifero è vuoto, aiutateci": adolescente chiede aiuto al 112

Dopo aver verificato la segnalazione, i militari sono andati a casa del nucleo familiare con generi di prima necessità

“Ho fame, mio padre non lavora più, il frigorifero è vuoto, aiutateci vi prego”, è la drammatica telefonata di un’adolescente ricevuta ieri mattina al 112 di Vergato.Dopo aver tranquillizzato la minore, il militare ha allertato una pattuglia dei carabinieri che si è recata sul posto per verificare l’attendibilità della notizia che, purtroppo, si è rivelata fin troppo veritiera.

In base a quanto accertato, a causa dell’emergenza sanitaria in atto per il coronavirus, il padre, unica fonte di reddito, aveva perso il lavoro, mettendo a rischio la sopravvivenza del nucleo familiare, la moglie e i suoi due figli, tra cui la minore che con  coraggi  aveva preso lo smartphone della mamma, ormai privo di credito e chiamato il 112. I carabinieri sono andati a fare la spesa e sono tornati a casa della ragazzina con una scorta di generi alimentari: latte, pasta, uova, farina, carne, biscotti, frutta, verdura e altri scatolati di vario genere.

La famiglia aiutata dai militari risiede nella zona di Alto Reno Terme, così come spiega a BolognaToday il sindaco di Vergato e presidente dell’Istituzione servizi sociali, culturali ed educativi, Giuseppe Argentieri: “Leggere questa notizia mi ha sorpreso molto perché stiamo lanciando da settimane, attraverso tutti i canali a disposizione, i messaggi di aiuto che possiamo fornire, al fine di essere contattati da chiunque sia in difficoltà e a noi non risultava assolutamente questo caso. Poi, da alcune ricerche, abbiamo capito che si tratta di persone residenti nella zona dell’Alto Reno, e da qui si capisce anche il motivo per cui sono stati attivati i Carabinieri del Comando di Vergato, o meglio come la chiamata sia stata filtrata dal 112.

E ancora: “Noi abbiamo messo in piedi un sistema con un numero unico per gli sportelli sociali per far convogliare ogni tipo di richiesta che , e ancor prima del decreto di Giuseppe Conte, che dava risorse economiche, e grazie alla Croce Rossa di Casalecchio, abbiano iniziato a fornire  pasti caldi a Vergato a chi è in difficoltà, oltre a coordinare l’arrivo di generi alimentari -incalza il sindaco - Può succedere che nonostante tutti gli sforzi qualcuno resti fuori dai sistemi protetti , ma tutto dovrebbe essere ricondotto a sistemi efficienti. Quando abbiamo letto di questo famiglia ci siamo meravigliati e attivati, poi abbiamo capito che non risiedeva sul territorio di nostra competenza. A prescindere da tutto l’invito è quello di segnalare,  o chiedere aiuto, agli enti subito, in modo da essere aiutati e supportati in questa situazione anomala che tutti stiamo vivendo, e nella quale tante famiglie sono in difficoltà”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bollettino covid oggi: a Bologna (quasi) la metà dei nuovi contagi e decessi registrati in Regione

  • Covid-19, al via le convocazioni per i test a campione: "1.000 solo a Bologna città, si viene contattati per telefono"

  • Coronavirus Emilia-Romagna, bollettino 23 maggio: +43 positivi, 193 guariti e calo dei casi attivi

  • Frecce Tricolori a Bologna: il passaggio sulla città il 29 maggio

  • Nuova ordinanza Bonaccini: da lunedì aprono centri sociali, circoli, parchi tematici e riprendono gli stage

  • Bonus bici elettriche e monopattini: chi può chiedere i 500 euro

Torna su
BolognaToday è in caricamento