menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

App Immuni, +Europa: "Ausl non chiede il codice positivi"

A lanciare l'allarme è Arcangelo Macedonio, coordinatore di +Europa Bologna, che riporta segnalazioni e "informazioni spiacevoli" ricevute "da molti giorni", ma anche "esperienze dirette"

Dopo il Veneto starebbero spuntando problemi con Immuni anche a Bologna, dove gli addetti al contact tracing dell'Ausl "non chiedono il codice identificativo dell'app. Così non può funzionare".

A lanciare l'allarme è Arcangelo Macedonio, coordinatore di +Europa Bologna, che riporta segnalazioni e "informazioni spiacevoli" ricevute "da molti giorni", ma anche "esperienze dirette".

In questo modo, spiega Macedonio, "abbiamo constatato che nessun operatore del servizio d'igiene pubblica addetto al contact tracing nella provincia di Bologna sta chiedendo il codice identificativo del'app Immuni alle persone risultate positive".

Per questo +Europa chiede "spiegazioni alla Regione Emilia-Romagna e all'Ausl di Bologna, per invertire questa prassi. Se le istituzioni e gli organi preposti nella lotta contro il virus non dimostrano interesse a far funzionare l'app, non vedo come possiamo motivare i cittadini".

Del resto, insiste Macedonio, "i contagi aumentano e il contact tracing è sempre più importate, ma ancora oggi troppe persone sono scettiche sul suo funzionamento e sulla sua efficacia, a questo punto con ragioni anche motivate".

Dunque, insiste il coordinatore di +Europa, "chiediamo all'assessore Donini e al presidente Bonaccini di attivarsi e fare in modo che l'app funzioni. Bisogna in fretta invertire rotta", avverte Macedonio. (San/ Dire) 


 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Nuovo Dpcm, seconde case e nuove regole: tutte le risposte

Benessere

I 5 DPI più efficaci per contrastare il Covid-19

social

Oggi è il Blue Monday: il giorno più triste dell'anno

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BolognaToday è in caricamento