menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Festa dell'Immacolata, il Covid fa saltare la tradizionale "Fiorita": sarà in "forma privata"

Solo il cardinale Zuppi raggiungerà piazza Malpighi per l'omaggio floreale alla statua della Madonna. L'invito della Curia è a "devolvere alla Caritas diocesana o parrocchiale l'equivalente degli omaggi floreali destinati alla fiorita"

Il covid fa saltare la "Fiorita", tradizionale celebrazione che riunisce i cittadini ai piedi della statua in Piazza Malpighi con i Vigili del fuoco che depongono fra le braccia della Madonna un mazzo di fiori, a nome di tutta la comunità.

Quest'anno l'8 dicembre a Bologna a causa della pandemia l'omaggio si terrà "in forma privata" da parte dell'arcivescovo, il cardinale Matteo Zuppi. L'invito della Curia però è a "devolvere alla Caritas diocesana o a quelle parrocchiali l'equivalente degli omaggi floreali destinati alla fiorita".

In occasione della festa dell'Immacolata, quindi, Zuppi presiederà la messa alle 11.30 nella Basilica di San Petronio. "La celebrazione- precisano da via Altabella- avverrà nel rispetto delle norme di sicurezza e del distanziamento sanitario e vi pareciperanno i ragazzi diversamente abili dell'Opimm". Nel pomeriggio, alle 15.30 nella Basilica di San Francesco, il cardinale guiderà invece la recita del Rosario, animata, nel rispetto delle norme anti-covid, dai rappresentanti delle associazioni dei medici cattolici, degli infermieri, dei cappellani degli ospedali, delle Forze dell'ordine, dei guariti dal covid e dai parenti dei defunti per coronavirus.

Alle 16.15 Zuppi raggiungerà quindi piazza Malpighi per l'omaggio floreale alla statua della Madonna. Alle 17.30 l'arcivescovo celebrerà i Vespri di nuovo in San Francesco. Il Rosario e l'omaggio floreale saranno trasmessi in diretta streaming sul sito della Chiesa di Bologna e sul canale YouTube di "12Porte". 

La "colonna" dell'Immacolata in Piazza Malpighi: la festa della 'Fiorita', storie e curiosità

La solennità dell'Immacolata concezione ricorda che la Madonna fu preservata fin dal suo concepimento dalla macchia del peccato originale. Nel 1854 Pio IX lo rese dogma. 

Riunisce i cittadini ai piedi della statua in Piazza Malpighi, e i Vigili del fuoco depongono fra le braccia della Madonna un mazzo di fiori, a nome di tutta la comunità.

La nostra statua, in rame, è del 1638, e fu realizzata da Giovanni Tedeschi su disegno di Guido Reni; sorge su di una colonna d'ordine ionico disegnata da F. Dotti, con ornamenti di D. Albertoni. Il piedistallo presenta un grande stemma di papa Urbano VIII (1623-1644), quello del Comune di Bologna, quello della Famiglia Francescana; una incisione latina racconta la storia e fu posta in occasione dei restauri del 1889. Anche a Bologna la tradizione della "Fiorita" risale alla proclamazione del dogma, e si delineò su quanto si faceva a Roma.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Benessere

I 5 DPI più efficaci per contrastare il Covid-19

social

Oggi è il Blue Monday: il giorno più triste dell'anno

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BolognaToday è in caricamento