Frana di Gaggio Montano, si scava per evitare 'tappo' nel Reno

Un milione di metri cubi si sta riversando sul letto del fiume. Le ruspe stanno lavorando per evitare che l'acqua raggiunga la vicina ferrovia

Ha raggiunto l'alveo del fiume Reno il fronte della frana della Maranina in località Vaina nel Comune dell'Appennino bolognese di Gaggio Montano, riattivata ieri.

La frana in movimento ha un fronte largo 100 metri e una lunghezza di circa 800 metri in loc. Vaina di Marano di Gaggio Montano (BO). Travolta la vecchia strada Porrettana, mentre la SS64 è percorribile senza problemi, parte del fronte franoso ostruisce in parte il letto del fiume Reno.

Le pale meccaniche sono al lavoro per mantenere il corso del fiume libero. I Vigili del fuoco -presenti sul posto- fanno sapere che sono stati resi inagibili 5 immobili, ed è stata allontanata una famiglia da una abitazione nelle vicinanze del fronte franoso.

Altre abitazioni per ora isolate, che restano raggiungibili solo con l'ausilio di un mezzo anfibio in dotazione ai pompieri. Ieri anche il prefetto Piantedosi ha fatto visita al luogo della frana: il rischio è che il Reno tracimi dal suo letto per inondare la vicina ferrovia e poi le valli circostanti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Meteo, previsioni per il fine settimana: tornano pioggia e neve

  • Sardine, il 19 gennaio 6 ore di musica e riflessioni: ecco chi salirà sul palco di Piazza VIII agosto

  • Vuole offrire da bere agli 'amici': invece di ringraziarlo lo aggrediscono e lo rapinano

  • Incidente a Budrio: un morto e un ferito sulla Trasversale di Pianura

  • Incidente a Sasso: scontro camion-corriera, passeggeri bloccati vicino il bordo della rupe

  • Rapina la banca, poi confessa davanti al Giudice: “Mio figlio malato, la paga da operaio non basta”

Torna su
BolognaToday è in caricamento