rotate-mobile
Giovedì, 11 Agosto 2022
Cronaca Centro Storico / Via Galliera, 21

Via Galliera: 'Furbetti' ai Beni Culturali, arriva il primo licenziamento

Lo fa sapere la giunta regionale, che afferma di aver applicato la legge Madia sulla pubblica amministrazione. In tutto i dipendenti sotto procedimento disciplinare sono 14

Arriva il primo licenziamento per la vicenda dei 'furbetti del cartellino' all'Istituto Beni Culturali di via Galliera, per presunti episodi di assenteismo. Ad annunciarlo la stessa giunta regionale.

"La Regione -si legge in un comunicato- ha deciso di licenziare il dipendente dell’Istituto per i beni artistici, culturali e naturali dell’Emilia-Romagna (Ibc) per il quale era stato aperto un procedimento disciplinare – con la sospensione dal servizio e dallo stipendio – subito dopo la messa in onda da parte di ‘Striscia la notizia’ del primo dei due servizi che denunciavano presunti casi di assenteismo all’Istituto, lo scorso 10 aprile.

Con il licenziamento, l’Ufficio per i procedimenti disciplinari (Upd) chiude il procedimento stesso a carico del dipendente, che aveva ammesso le proprie responsabilità in merito alla mancata timbratura pur essendosi allontanato dalla sede dell’Istituto in orario di lavoro.

La sanzione -precisa viale Aldo Moro- è stata decisa applicando per la prima volta il Decreto Madia, approvato dal Consiglio dei ministri a febbraio, che permette in tempi rapidi il licenziamento dei dipendenti della pubblica amministrazione che usano il badge per finti ingressi sul posto di lavoro per poi dedicarsi, fuori, a fatti personali.

L’Upd ha poi deciso infine l’apertura di quattro nuovi procedimenti disciplinari a carico di altrettanti dipendenti dell’Ibc: Complessivamente, i procedimenti disciplinari aperti salgono così a quattordici, compreso quello chiuso quello a carico del dipendente licenziato.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Via Galliera: 'Furbetti' ai Beni Culturali, arriva il primo licenziamento

BolognaToday è in caricamento