Leggere in piscina: il book crossing arriva a bordo vasca

Il progetto nasce dal Patto di Bologna per la lettura, a oggi conta quasi 200 adesioni. Quattro le piscine coinvolte

Libri in condivisione in piscina per incentivare la lettura anche in vacanza. È il progetto "Book station: sfogliando libri in piscina", nato dal patto di collaborazione tra il Comune di Bologna e l'associazione Equi-libristi che prevede l'allestimento di alcune Book Station - postazioni di libri da prendere e leggere nello stabilimento delle Terme Felsinee di via Vagno e nelle piscine Stadio, Vandelli e Cavina della società So.Ge.Se.

Asciugamano, ciabatte, cuffia, crema solare. Dimenticato niente? . Se quello che manca per accompagnare la vostra giornata in #piscina è una #buonalettura, le #Bookstation attrezzate alle #piscinaStadioBologna, #piscinaVandellisogese e alle @TermeFelsinee di @MareTermaleBolognese risolvono il problema. . Nate grazie ad un Patto di collaborazione tra Sogese, Mare termale bolognese e Associazione Equi-libristi,  le #Bookstation non sono un semplice punto di #bookcrossing, ma librerie sempre rifornite e presidiate dagli Equi-libristi. . Nuotate e leggete tutti! . Tutte le ℹ️ su wwww.equilibristi.it e suwww.pattoletturabo.it . #pattoletturabo #estateincittà #summerinthecity #piscinebologna #bologna #luoghiletturabo #readingtime #neldubbioleggo #contachilegge

Un post condiviso da Patto per la Lettura Bologna (@pattoletturabo) in data:


Il progetto si inserisce nelle azioni del Patto di Bologna per la Lettura, a cui nei mesi scorsi hanno aderito, insieme a molte realtà pubbliche e private della città, anche le piscine Sogese, le Terme Felsinee e l'associazione Equi-libristi.

Quest'ultima da anni si occupa su base volontaria di recuperare, e rimettere gratuitamente in circolo, libri destinati al macero, dimenticati dentro cantine o troppo ingombranti per essere oggetto di trasloco, regalando così la possibilità a questi volumi di continuare a vivere.

Le postazioni sono collocate nelle zone di libero accesso delle piscine e non è necessario pagare il biglietto per prendere un libro, leggerlo, senza alcun obbligo di restituzione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"La sperimentazione avviata con questo primo patto di collaborazione - si legge in una nota di Palazzo D'Accursio -, che promuove il libro e la lettura come bene comune, incoraggiando l'accesso alla cultura anche in luoghi insoliti, si concluderà in autunno, per lasciare spazio a nuove iniziative".

Il Patto di Bologna per la Lettura, adottato dal Comune nel 2018, conta ad oggi 189 adesioni tra cittadine, cittadini, imprese, associazioni e istituzioni della città. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nicoletta Mantovani sposa il suo Alberto: "Matrimonio a Bologna, in una chiesa speciale per me"

  • Coronavirus Emilia-Romagna, aumento contagi: +41, a Bologna 12

  • Schianto in tangenziale tra camion e auto: morto vigile del fuoco

  • Tir fermo in autostrada, camionista trovato morto

  • Coronavirus, direttore Microbiologia Sant'Orsola: "Virus muta, autunno incerto"

  • Coronavirus Emilia-Romagna: +37 positivi, nel Bolognese 14

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BolognaToday è in caricamento