Giovedì, 18 Luglio 2024
Cronaca Navile

Navile, occupanti abusivi "sfrattati" dalle ex "officine Cevolani”

Nei locali in disuso bivaccavano, probabilmente da tempo. L'Arma, in perlustrazione nel quartiere, li ha intercettati e sgomberato l'edificio: due le denunce spiccate

Proseguono i controlli intorno alle aree dismesse del Navile, che spesso versano in situazioni di degrado, tra lerciume e abbandono, e diventano ricettacolo di senzatetto, che vi si installano eleggendole a loro dimora.

Nell'ultimo blitz dei carabinieri due le denunce scattate per altrettanti occupanti abusivi he si erano insediati all’interno delle “Ex officine Cevolani”, struttura in disuso. DeferitI  in stato di libertà per invasione di terreni ed edifici un tunisino 38enne e un marocchino 30enne, entrambi pregiudicati e senza fissa dimora.

Lo sgombero è avvenuto nella mattinata di mercoledì ad opera dei Carabinieri della Stazione Bologna Arcoveggio, in collaborazione con i militari del 5° Battaglione Carabinieri Emilia Romagna e la locale Polizia Municipale, in "ronda" al Navile, zona "calda" della città, non nuova a reati del genere.

Al momento della perlustrazione nella struttura industriale dismessa - di proprietà della ditta “Giulia S.r.L.” - i militari hanno sorpreso i due extracomunitari, qui alloggiati alla meno peggio . Avviati gli accertamenti di rito, è inoltre emero che il tunisino risultava gravato da un ordine di espulsione del Questore a cui non aveva mai ottemperato. A carico dell'uomo dunque è stata spicacta anhe una denuncia ai sensi dell’Art. 14 c. 5  - esecuzione dell’espulsione.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Navile, occupanti abusivi "sfrattati" dalle ex "officine Cevolani”
BolognaToday è in caricamento