Arrestato in Libia, imprenditore bolognese accusato di Terrorismo

Il 53enne si trova agli arresti dallo scorso ottobre. La procura tripolina lo ritiene fiancheggiatore di una milizia separatista

Giulio Lolli, il bolognese arrestato nell'ottobre scorso in Libia, sarebbe accusato anche di terrorismo dalla Procura di Tripoli. La notizia trapela da alcuni atti giudiziari. Secondo quanto contenuto nei fascicoli agli atti del processo a suo carico per il fallimento della Rimini Yacht, Lolli in sostanza al momento non può lasciare il paese libico perché impegnato in altro procedimento.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'ex imprenditore 53enne, latitante da diversi anni e ora detenuto nel carcere della capitale libica, è di fatto imputato dalle autorità tripoline. L'accusa, pesante, è di aver favorito una milizia separatista avversa al governo. Altre accuse, alcune già note, fanno riferimento a traffico d'armi e ingresso clandestino nel territorio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus fase 3 | Fiere, congressi, vacanze di gruppo e viaggi in auto: Bonaccini sigla nuova ordinanza

  • Offerte lavoro Bologna fisso mensile

  • Come pulire e disinfettare i condizionatori: trucchi e consigli

  • Incidente sulla A1: scontro camion-furgone, due morti

  • Focolai covid a Bologna: l'attenzione si sposta all' ex hub di via Mattei

  • Tragedia in Romagna: perde l'equilibrio e sbatte contro la roccia, morta studentessa dell'Alma Mater

Torna su
BolognaToday è in caricamento