menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
L'auto a fuoco, i soccorsi

L'auto a fuoco, i soccorsi

Troppi debiti, si da fuoco davanti all'agenzia dell'entrate

Vinto dalle proprie difficoltà economiche, un 58enne si è abbandonato al gesto disperato. Salvato in extremis ha riportato ustioni in tutto il corpo

Troppi debiti lo attanagliavano così in preda alla disperazione si è abbandonato ad un gesto estremo. Un 58enne di Ozzano, oggi verso le 8.20, si è chiuso nella propria macchina e si è dato fuoco, davanti all'agenzia delle entrate, in via Nanni Costa, alla periferia di Bologna (guarda il video).
Un posto, probabilmente, non scelto a caso dall'aspirante suicida, che fortunatamente è stato salvato in tempo. Anche se ha riportato gravi ustioni su tutto il corpo e ora, dopo un passaggio all'ospedale Maggiore, e' stato trasferito al Centro grandi ustionati di Parma.

fuoco-nanni-costa-3A parlare del suo dramma e spiegare il suo dolore, l'uomo aveva lasciato alcune lettere (tra cui ce n'e' anche una indirizzata anche alla Commissione tributaria) in cui fa cenno a una serie di debiti e alle tasse, si scusa e lascia intendere propositi suicidi.

A strappare il 58enne dalla morte certa sono stati i vigili urbani del quartiere Reno, che mentre erano diretti ad una scuola lì nei pressi, sono  stati avvicinati da un cittadino che li ha avvisati di una Fiat Punto bianca che andava in fiamme.
Quando i vigili urbani sono arrivati l'uomo era fuori dall'auto: anche i piedi erano stati raggiunti dal fuoco e e i vestiti erano ormai tutti completamente bruciati. Sul posto, piu' tardi, e' intervenuta anche la Polizia.

LEGGI La testimonianza: 'Prima un boato, poi un uomo nudo a terra'

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Casalecchio: aperto il nuovo ristorante McDonald’s 

Salute

Più sedentari causa smartworking e Dad. La personal trainer "L'esercizio fisico è un 'farmaco', può previene malattie croniche"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BolognaToday è in caricamento