Rapina in centro: sigaretta come scusa, poi l'agguato con lo spray urticante

Nei guai baby-rapinatore: in tasca trovata anche droga

Con la scusa di chiedere una sigaretta, ha spruzzato lo spray urticante e ha derubato un ragazzo. Ha soli 16 anni il cittadino marocchino irregolare arrestato questa notte dai Carabinieri in via Marconi. 

Alle due circa, due amici della provincia di Rovigo, di 20 e 21 anni, stavano camminando in via Marconi, quando sono stati avvicinati da un ragazzino che ha chiesto loro una sigaretta. Il tempo di infilare le mani in tasca e il 21enne è stato stordito dallo spray urticante, derubato del telefono cellulare che aveva in mano e del portafoglio che portava in tasca. L'amico ha cercato di trattenerlo e una pattuglia dei Carabinieri del radiomobile in transito è intervenuta: all'atto della perquisizione, in tasca al minore, con piccoli precedenti per furti e spaccio, sono stati trovati anche 10 dosi di cocaina, pari a 5 grammi, e 100 euro in banconote di piccolo taglio.

E' stato rinchiuso al carcere minorile del Pratello con l'accusa di rapina aggravata e spaccio di stupefacenti. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mezza Italia (Emilia Romagna compresa) verso il 'giallo'. Bonaccini: "Per Natale soluzioni che evitino il tana libera tutti"

  • Il Covid fa la sua prima vittima fra i sanitari del S.Orsola: morto a 59 anni l'infermiere Sergio Bonazzi

  • Siglata nuova ordinanza. Riaperture negozi, corsi e lezioni di ginnastica a scuola: ecco cosa cambia

  • Dati Covid confortanti: l'Emilia-Romagna verso la zona gialla (ma non subito)

  • Giornata del Parkinson, le neurologhe: "Per combattere la malattia, tre tipi di terapie avanzate"

  • Dad e rendimento scolastico, il prof del Fermi: "E' dura, ma i vincenti trovano la via e non le scuse"

Torna su
BolognaToday è in caricamento