Crisi aziendali, in provincia sono 23 le situazioni di lavoro a rischio

La situazione negli anni è andata migliorando ma ancora sette pratiche sono aperte da più di quattro anni. E le crisi di alcuni settori potrebbero tornare a fare crescere le cifre

Gli anni peggiori della crisi sono alle spalle, ma sono ancora 23 i tavoli di salvaguardia aziendali aperti alla città metropolitana di Bologna. Sono questi i dati forniti oggi dal vicesindaco metropolitano Fausto Tinti all’udienza conoscitiva con le Commissioni di Città metropolitana e Comune di Bologna, incontro richiesto dal capogruppo Pd a Palazzo Malvezzi, Raffaele Persiano.

Dal 2015 ad oggi sono 120 le situazioni di crisi aziendale trattate dal Tavolo metropolitano di salvaguardia. Dai 47 casi aperti del 2015 si è scesi ai 16 di quest'anno, ma sono ancora 23 quelli nel complesso, sette dei quali crisi aperte che si trascinano ormai da quattro anni.

Crisi Aziendali: la mappa nel territorio

Il piano geografico vede Bologna in testa con un caso su quattro, al secondo l’Unione Reno-Lavino-Samoggia (19%) seguita dalla Reno Galliera (12%), dall’Unione Terre d’Acqua e Molinella (10%), dall’Unione Savena Idice e San Lazzaro (8%), dal Circondario Imolese (7%), da l’Appennino insieme ad Alto Reno Terme (7%), e da Terre di Pianura (5%), mentre un 5% si riferisce ad aziende con sede su più territori.

Dal punto di vista del settore produttivo, ci consegna questo quadro: Servizi alla collettività (16%), macchine automatiche (13%), metallurgico/manifatturiero (12%), informazione e stampa (11%), logistica (9%), automotive (8%), elettronica (6%), costruzioni/arredo (5%), alimentare (5%), servizi alle imprese (4%), sanità e benessere (3%), alloggio e ristorazione (2%).

Il calcolo del numero medio di lavoratori coinvolti nelle crisi, evidenzia una netta prevalenza nei settori dell’elettronica (108,3) e nelle costruzioni/arredo (93,2), seguono logistica (67,2), automotive (63,9), tessile/abbigliamento (57,3), alloggio e ristorazione (54,7), alimentare (54,2), macchine automatiche (51,4), servizi alle imprese (50), servizi alla collettività (47,8), metallurgia/altra manifattura (45), sanità-benessere (43,7), servizi informazione e stampa (30).

“Nell’attuale fase economica – ha sottolineato il vicesindaco Tinti - registriamo segnali di difficoltà legati ad effetti economici congiunturali e di alcune filiere, in particolare automotive. Ci aspettiamo quindi nei prossimi mesi un aumento delle attività del Tavolo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

È fondamentale la connessione tra le attività del Tavolo e le azioni metropolitane per lo sviluppo economico: Il Tavolo metropolitano è infatti luogo di osservazione privilegiato delle dinamiche in corso nelle filiere che caratterizzano il sistema produttivo metropolitano e rappresenta quindi, oltre che luogo per la gestione di crisi puntuali, l’ambito per definire le azioni di accompagnamento delle trasformazioni in corso nel sistema economico. Inoltre, - ha concluso Tinti - considerando la centralità e la strategicità del tema lavoro nelle politiche metropolitane per l’attrattività, l’attività del Tavolo è da vedersi anche come contributo alla predisposizione degli indirizzi di pianificazione territoriale”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bollettino covid oggi: a Bologna (quasi) la metà dei nuovi contagi e decessi registrati in Regione

  • Covid-19, al via le convocazioni per i test a campione: "1.000 solo a Bologna città, si viene contattati per telefono"

  • Coronavirus Emilia-Romagna, bollettino 23 maggio: +43 positivi, 193 guariti e calo dei casi attivi

  • Frecce Tricolori a Bologna: il passaggio sulla città il 29 maggio

  • Nuova ordinanza Bonaccini: da lunedì aprono centri sociali, circoli, parchi tematici e riprendono gli stage

  • Bonus bici elettriche e monopattini: chi può chiedere i 500 euro

Torna su
BolognaToday è in caricamento