Economia Porretta Terme

Oerlikon di Porretta Terme, confermati gli assetti occupazionali e il sito produttivo

Siglato oggi l'accordo per la Oerlikon Graziano Spa, azienda produttrice di ingranaggi per automotive. Sventato il pericolo di chiusura dello stabilimento di Porretta: i 248 impiegati tornano al lavoro

E' stato sottoscritto questa mattina a palazzo Malvezzi l'accordo per l'azienda Oerlikon Graziano Spa, azienda di Porretta Terme, che produce ingranaggi per il settore automotive e che occupa 248 addetti nel territorio provinciale.
Il Tavolo di salvaguardia, presieduto dall'assessore provinciale alle Attività produttive Graziano Prantoni, alla presenza del vicesindaco di Porretta Terme, ha favorito il raggiungimento dell'accordo dopo che, la scorsa settimana, i sindacati avevano proclamato lo stato di agitazione a seguito di un presunto blocco della produzione.

L'ACCORDO - Nell'accordo, l'azienda ha ribadito la centralità dello stabilimento di Porretta e ha confermato il mantenimento degli attuali assetti occupazionali, impegnandosi inoltre a prevedere nel futuro piano industriale tutti gli investimenti necessari al consolidamento occupazionale del polo produttivo.
Al termine dell'incontro Prantoni ha dichiarato la sua soddisfazione: «Credo che il lavoro di mediazione fatto abbia dato il supporto necessario alle Parti per trovare un accordo. Ho apprezzato il senso di responsabilità delle Organizzazioni Sindacali e la flessibilità dimostrata dal management aziendale che hanno portato all'esito di questa trattativa».

LA CRISI  - Trapelate le voci di una possibile chiusura dello stabilimento di Porretta, i lavoratori si sono stretti per giorni in presidio davanti la sede.
Lo stabilimento di Porretta Terme ha attraversato un anno di cassa integrazione straordinaria iniziata nell'ottobre del 2009, una procedura di mobilità e la sottoscrizione di un contratto di solidarietà dal 26 ottobre 2010 al 7 febbraio 2011.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Oerlikon di Porretta Terme, confermati gli assetti occupazionali e il sito produttivo
BolognaToday è in caricamento