menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Stampi Group, decretato il fallimento d'urgenza dal Tribunale

Costi: "Regione impegnata a fondo, non intendiamo lasciare solo nessuno"

Procedura di fallimento decretata oggi dal Tribunale di Bologna nei confronti dell’azienda Stampi Group di Monghidoro, con 84 dipendenti, chiusa da marzo. Il presidente della Camera di consiglio del Tribunale fallimentare, Maurizio Atzori, ha dichiarato "immediatamente" il fallimento, come rende noto la Fim-Cisl, precisando che l'urgenza è "connessa al rilievo sociale della crisi".

Immediate le reazioni dei sindacati e delle istituzioni. "Confidiamo - dichiara Marzia Montebugnoli segretario generale aggiunto Fim Cisl Area metropolitana bolognese - che il curatore incaricato ci possa incontrare immediatamente, per verificare la possibilità di attivare tutti gli ammortizzatori sociali possibili  per tutelare i dipendenti della Stampi Group".
"Il Tribunale - commenta l'avvocato Livio Mercatante legale della Fim Cisl - con questa celere sentenza ha dimostrato una particolare sensibilità ed attenzione verso questi lavoratori, duramente provati dalla lunga vertenza, evidenziando così il rilievo sociale di tale crisi".

"La cassa in deroga regionale rappresenta un primo intervento a sostegno dei lavoratori, a cui necessariamente dovranno seguire azioni di politica attiva, sulle quali ribadiamo, come Regione Emilia-Romagna, il nostro impegno e iniziative tese al rilancio di una attività produttiva che rappresenta un presidio occupazionale fondamentale nel territorio dell'appennino bolognese”. È il primo commento dell’assessore regionale alle Attività produttive, Palma Costi, in seguito alla richiesta, avanzata dai rappresentanti dei lavoratori, di aprire una procedura fallimentare per l’azienda di Monghidoro.
Il sostegno regionale ai lavoratori si traduce nell'accordo sulla domanda di Cassa integrazione guadagni (Cig) in deroga siglato lo scorso 28 ottobre in Regione tra la proprietà, le rappresentanze sindacali e il presidente della Giunta, Stefano Bonaccini, che ha permesso di attivare questo ammortizzatore sociale fino al prossimo 31 dicembre. 

"È un sostegno al reddito- afferma Costi- dopo che sono stati perseguiti tutti i tentativi possibili per far accedere la Stampi Group alla Cassa integrazione ministeriale (Cigs). Tentativi vani a causa dell'assenza dei requisiti dell’azienda sancita dal Mise il 30 novembre, vista la mancanza di condizioni favorevoli a una continuità imprenditoriale. Ora, la Cassa integrazione regionale in deroga rimane un aiuto concreto a favore dei lavoratori e delle loro famiglie, sicuramente molto provati dalla vertenza”.
“Come Regione- conclude Costi- restiamo impegnati a fondo su questa crisi anche assieme alle altre istituzioni. Non intendiamo lasciare solo nessuno, soprattutto chi sta lottando per il lavoro e i propri diritti".

 
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Casalecchio: aperto il nuovo ristorante McDonald’s 

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BolognaToday è in caricamento