La storica Osteria del Sole: "Impossibile stare aperti, aspettiamo tempi migliori. E se va bene, tutti a San Luca"

Il dpcm che obbliga i locali alla chiusura anticipata alla 18 non è compatibile con la natura dell'osteria di vicolo Ranocchi: "Non possiamo più lavorare, ma non è colpa di nessuno. Torneremo più forti che mai"

Chiude l'Osteria del Sole in attesa che tutto passi, come effetto del dpcm che obbliga i locali come questo a chiudere alle 18.00. Orario nel quale normalmente si cominciava a lavorare con gli aperitivi. "Dobbiamo tirare giù di nuovo la serranda. Non è colpa di nessuno, non vogliamo fare vittimismi, lo sapevamo tutti che ci sarebbe stata una seconda ondata e così è stato..." hanno scritto i gestori dello storico locale di vicolo Ranocchi, in pieno Quadrilatero, sulla loro pagina Facebook per allertare i clienti. Il messaggio compare qualche giorno fa, dopo il decreto del premier Conte e adesso la bellissima porticina bianca che apre le porte a un luogo d'altri tempi, resta chiusa. 

"E se va bene poi andiamo tutti a San Luca a piedi!"

"Adesso la cosa importante è la sicurezza, che noi abbiamo sempre cercato di mettere al primo posto, per quanto la conformazione e la storia del locale ce lo consentisse (non è stato facile). Con la chiusura alle 18 noi non possiamo più lavorare, essendo il nostro, come ben sapete, un locale serale, da aperitivo. In questo momento per noi non è più sostenibile tenere aperto, l'unica cosa che possiamo fare è aspettare tempi migliori. Speriamo ci perdonerete per questo 'bollettino triste', non è nel nostro stile, ma vi assicuro che torneremo più forti che mai, e se va bene sta volta andiamo tutti a San Luca a piedi!"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Emilia-Romagna verso la zona gialla, Donini: "Aspettiamo una settimana"

  • Coronavirus Emilia-Romagna: il virus picchia duro, nell'imolese morto un 45enne

  • Martina stroncata dal covid a 21 anni: "La conoscevo da sempre... usiamo meno leggerezza d'ora in avanti nel parlare della malattia"

  • Nuova ordinanza regionale: confermate le misure, altre attività aperte nei prefestivi

  • Stato di crisi: "Non c'è mobilità, non ci sono i ristori": in autostrada i distributori chiudono

  • Covid Bologna ed Emilia-Romagna, il bollettino: l'epidemia rallenta, ma ci sono 50 morti

Torna su
BolognaToday è in caricamento