Martedì, 22 Giugno 2021
Cronaca Navile

Emergenza casa, 500 in marcia contro gli sfratti: '14mila case vuote a Bologna, un insulto alla dignità'

Sono partiti dall'ex Telecom occupata di via Fioravamti e hanno sfilato nel quartieri di periferia per riportare ancora una volta l'attenzione sull'emergenza abitativa e gli sfratti in città

Foto SocialLog

Sono partiti dall' ex Telecom occupata di via Fioravamti in circa 500. E' il corteo organizzato dallo sportello SocialLog per riportare ancora una volta l'attenzione sull'emergenza abitativa e gli sfratti in città.

Una manifestazione che è restata in periferia, e che ha visto anche la partecipazione del sindacato Si.Cobas, come avevano annunciato qualche giorno fa: tante famiglie e bambini hanno percorso prima Via Carracci, arrivando fino al quartiere San Donato, nel giardino Gino Cervi, dove la marcia si è conclusa: "La marcia della dignità delle periferie prosegue! Dalla Bolognina a San Donato ogni sfratto sarà bloccato! Unisciti nella lotta: non lasciamo indietro nessuno! Se banche e speculatori edilizi giocano sulle vite e sui bisogni noi ci organizziamo per resistere", scrive il collettivo su Facebook "14mila case vuote a Bologna sono un insulto alla dignità".

Moratoria degli sfratti e no agli sgomberi degli edifici occupati, accesso agli alloggi popolari per le famiglie a reddto zero e abolizione dell'articolo 5 del Piano casa del Governo Renzi, le richieste del collettivo.

SFRATTI. "Sono stati oltre 1.900 gli sfratti nel 2014 e siamo ancora in attesa dei dati del Ministero su quelli di inizio 2015, ma saranno sicuramente in aumento" aveva detto ai cronisti Gianluca di SocialLog "vogliamo stimolare la discussione sulla casa e sull'unico fondo a disposizione degli assistente sociali, ovvero quelli per il rimpatrio degli stranieri, l'alternativa è la strada. Si stimano dalle 120 alle 190 famiglie a rischio solo a Bologna".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Emergenza casa, 500 in marcia contro gli sfratti: '14mila case vuote a Bologna, un insulto alla dignità'

BolognaToday è in caricamento