menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

I 'graffitari' non pagano le multe: ripuliti 40.000 metri quadri di muri

7.450 euro di sanzioni, ma il Comune è riuscito ad incassarne neanche 2mila. Si pensa agli incentivi ai privati

7.450 euro di multe a writer e graffitari, ma il Comune di Bologna è riuscito ad incassarne neanche 2mila. Sono le cifre fornite ieri a Palazzo D'Accursio dall'assessore alla Sicurezza Riccardo Malagoli, che ha anche quantificato la mole degli investimenti per pulire i muri. 

Nel 2013 sono stati investiti 500.000 euro di tassa di soggiorno, l'anno successivo altri 250.000 mila euro, mentre nel 2015 l'impegno è stato di 300.000 euro. Inoltre negli ultimi due anni e mezzo "sono stati puliti 40.000 metri quadri di edifici pubblici da parte prima di Hera e poi di volontari che in questo modo si sono messi a disposizione della citta' per pulire muri di altri" ha detto Malagoli e ora il Comune sta cercando di estendere la pulizia agli edifici privati.

"Stiamo provando a vedere se dal punto di vista delle leggi che regolano la finanza pubblica c'è la possibilità di dare degli incentivi ai condomini che puliscono i loro muri - spiega l'assessore - ci stiamo lavorando con i nostri uffici legali e vediamo se quota parte della tassa di soggiorno puo' essere investita in questo modo. Noi non possiamo intervenire con risorse pubbliche in edifici privati, questo lo dice la legge e noi siamo tenuti a rispettare le leggi e le sentenze".

"Girando la citta'- dice ancora l'assessore- vedo che i muri che sono stati puliti da Hera e dai volontari sostanzialmente tengono, difficilmente vengono riportati alla situazione precedente. Credo che questa sia la strada, se qualcuno ha delle speranze che noi mettiamo dietro ogni portico qualcuno che sanziona coloro che scrivono, credo che non abbia il senso della realta'".

Oggi, intanto, dalle 14 alle 17 in piazzetta Marco Biagi scatta la prima iniziativa di pulizia dei muri nell'ambito del progetto "No tag scuole" che coinvolge studenti di quattro istituti superiori bolognesi assieme ai volontari del gruppo No-tag Saragozza e al Lions Club Bologna San Luca. In particolare a scendere in strada saranno gli studenti di liceo Righi, dell'Istituto Aldrovandi Rubbiani e dell'Istituto Crescenzi Pacinotti coordinati da Francesco Massarenti del gruppo No-tag Saragozza. All'appuntamento parteciperà anche Malagoli. (dire)

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BolognaToday è in caricamento