menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Coronavirus, il sindacato infermieri: "Rischio sovraffollamento, serve nuovo personale"

"Il panico che si sta generando mette in condizioni lavorative difficili tutti gli operatori”

“Agli infermieri e agli operatori sanitari tutti,in genere, va la nostra solidarietà: in questi giorni, con la massima professionalità, gli infermieri di tutte le strutture sanitarie del territorio bolognese sono impegnati per applicare le procedure ed i percorsi previsti in caso di sospetto Coronavirus. In questi momenti credo tutti si rendano conto di quanto importante, delicato e talvolta pericoloso sia il nostro lavoro. La notizia di un caso sospetto al Sant’Orsola ci preoccupa, ma è anche la dimostrazione che il servizio funziona ed è utile ad individuare, circoscrivere e accertare, mentre il panico che si sta generando mette in condizioni lavorative difficili tutti gli operatori” e aggiunge "il vero pericolo è il sovraffolamento e l'intasamento dei servizi sanitari, occorre nuovo personale aggiuntivo stabile". 

Coronavirus, il sindaco Merola: "Applichiamo l'ordinanza, senza perdere tempo a discuterla" 

È quanto afferma Antonella Rodigliano del Nursind - sindacato infermieri - che aggiunge: “La nostra organizzazione sindacale è vicina a tutti i colleghi e gli operatori sanitari, che non stanno risparmiando professionalità e abnegazione, seppur anch’essi non siano immuni dallo stress lavorativo e dalla correlata tensione emotiva generati dalle condizioni eccezionali, ma spero che, una volta superata questa emergenza, chi ha poteri decisionali a livello locale e nazionale si ricordi di quanto prezioso sia il nostro servizio sanitario e all’interno di questo gli infermieri che vi lavorano”.
La rappresentante sindacale ci tiene a infine precisare che “gli infermieri non si sono mai tirati indietro quando c’è stato bisogno e non lo faranno di certo in questa occasione, ma non siamo disponibili a sopperire sempre alle mancanze del sistema, occorre che ci sia la massima garanzia sulla fornitura di tutti i dispositivi idonei di protezione individuale, non
sono ammissibili eventuali giustificazioni inerenti una possibile mancanza di questi dispositivi, adducendo un esaurimento delle scorte da parte delle varie industrie manifatturiere fornitrici”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

L'Oroscopo di marzo segno per segno: ecco cosa prevedono gli astri

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BolognaToday è in caricamento