Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Strappa il biglietto pro duce e viene licenziato, il legale: "La saga dei riders non è finita"|VIDEO

Davanti alla sede bolognese della piattaforma specializzata nelle consegne di vino si è tenuto un presidio. Il rider Luca Nisco: "Per comportamenti scorretti i miei turni sono stati cancellati, poi la totale sospensione". Dell'accaduto si è occupato anche il consiglio comunale

 

"La saga dei riders non è finita", così l'avvocato Perigiovanni Alleva, legale di Luca Nisco, il rider che ha strappato il biglietto inneggiante al duce e si è visto annullare tutti i turni di lavoro

Questa mattina, davanti alla sede bolognese di Winelivery (in via Sant'ISaia), la piattaforma specializzata nelle consegne di vino per la quale Luca lavorava, si è tenuto un presidio a difesa con Giuliano Zignani - segretario generale Uil Emilia Romagna e Bologna, PierPaolo Bombardieri, segretario generale Uil in collegamento da Roma, lo stesso Luca e il legale Piergiovanni Alleva. 

"Per comportamenti scorretti i miei turni sono stati cancellati" ha detto Luca " poi hanno richiesto la totale sospensione". 

"Un foglio di tipo apologetico fascista non doveva essere supportato - ha detto Alleva - quello dei rider, dopo la sentenza della cassazione, è diventato un rapporto di lavoro coordinato e continuativo, ma le piattaforme si limiterebbe a fare una mediazione, mettono in contatto il cliente e il rider". 

"Il lavoratore non viene licenziato, ma sospeso, di fatto non ti chiamano più quindi sei licenziato" ha detto Zignani. 

"La sfida è alla politica di non stare in silenzio" ha detto Bombardieri. 

"Sarò in question time tra poco e chiederò alla Giunta e al consiglio comunale di prendere una posizione chiara - ha detto il consigliere del PD Raffaele Persiano - fortunatamente c'è ancora gente come Luca, il fascismo è un reato non un'opinione". E così è stato. 

"Ho avuto un'interlocuzione ieri con Francesco Magro, il CEO di Winelivery, proprio per rendermi conto della decisione presa dall'azienda e ho avuto la piena e convinta rassicurazione che la decisione dell'azienda non ha carattere discriminatorio, non essendoci nessuna volontà da parte dell'azienda di condividere il significato politico del messaggio da recapitare - ha dichiarato l'assessore Marco Lombardo - la decisione sarebbe fondata unicamente sul fatto che le azioni del rider siano contrarie alle regole di protezione dei dati sensibili e dagli standard di servizio offerti ai clienti. Credo nella volontà dell'azienda di dissociarsi dal contenuto fascista del biglietto; pur tuttavia, come ho ribadito anche ieri all'azienda, bisogna riconoscere che il comportamento del rider è una conseguenza di un grave errore commesso dall'azienda stessa. 

L'indignazione di Luca Nisco di recapitare quel messaggio in una data così simbolica come il 25 aprile, è l'indignazione di una città e di una comunità. Dunque è vero che il rider si sarebbe potuto rifiutare di effettuare quella consegna; ma se l'avesse consegnato qualcun altro? - continua l'assessore Il problema è che quel biglietto non andava trascritto. E l'azienda ha una responsabilità oggettiva di posizione sul fatto che il biglietto richiesto dal cliente che è stato erroneamente trascritto".

I rider Just Eat hanno un contratto, esulta il sindacato: "Giornata storica"

Riders: "Algoritmo di valutazione discriminatorio": la decisione del Tribunale di Bologna

"Stop precarietà", riders in corteo attraverso il centro di Bologna

Potrebbe Interessarti

Torna su
BolognaToday è in caricamento