menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

'Ndrangheta, operazione della Guardia di finanza: sequestrati beni per 500 mila euro

I beni sottoposti a vincolo, fanno sapere le Fiamme gialle, "sono risultati nella disponibilità di un 58enne calabrese residente da tempo in provincia di Ferrara, e indiziato di appartenere alla cosca di 'ndrangheta 'Cerra-Torcasio-Gualtieri' di Lamezia Terme"

La Guardia di finanza di Bologna e Catanzaro "ha sequestrato tra Ferrara e Lamezia Terme, in esecuzione di una misura di prevenzione patrimoniale disposta dal Tribunale del capoluogo emiliano, appartamenti, terreni, auto, conti correnti e una società operante nel commercio autovetture del valore complessivo di oltre 500.000 euro". I beni sottoposti a vincolo, fanno sapere le Fiamme gialle bolognesi, "sono risultati nella disponibilita' di  un 58enne calabrese  residente da tempo in provincia di Ferrara, e indiziato di appartenere alla cosca di 'ndrangheta 'Cerra-Torcasio-Gualtieri' di Lamezia Terme".

Il provvedimento, disposto dalla Sezione Misure di prevenzione del Tribunale di Bologna , arriva al termine di "indagini economico-patrimoniali condotte, ai sensi del Codice antimafia, dai finanzieri del Gruppo di Lamezia Terme e del Nucleo di Polizia economico-finanziaria di Bologna sotto la direzione del pm della Dda bolognese Stefano Orsi". Indagini, quelle dell'operazione battezzata 'Nippon', "finalizzate al recupero di beni illecitamente detenuti". In particolare, gli accertamenti della Gdf, iniziati in Calabria e successivamente sviluppati in Emilia-Romagna, "hanno consentito di riscontrare, anche sulla base delle dichiarazioni rese da diversi collaboratori di giustizia, i legami con la criminalita' organizzata calabrese del soggetto, i cui fratelli erano stati assassinati nel 2003 in un agguato mafioso in Calabria inducendolo a cercare riparo nel ferrarese".

Le indagini patrimoniali hanno poi fatto emergere "un rapporto di particolare 'sproporzione' tra i redditi dichiarati dall'uomo e dal suo nucleo familiare e il patrimonio riconducibile alla sua effettiva disponibilita', che di conseguenza e' stato sequestrato in quanto ritenuto acquisito con proventi frutto di attivita' illecite".(agenzia Dire)

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BolognaToday è in caricamento