Lunedì, 15 Luglio 2024
Cronaca

Matrimonio con limousine abusiva: sposi rischiano di restare a piedi

Servizio abusivo di noleggio durante le cerimonie: vigili in borghese si mischiano agli invitati di uno sposalizio e pizzicano noleggiatore illegale. Auto sottoposta a fermo, carta di circolazione ritirata, multa salata

Una coppia di sposini bolognesi hanno rischiato di rimanere a piedi, nel senso letterario del termine, durante il loro matrimonio.

NOLEGGIO ABUSIVO AUTO. MEZZO SOTTOPOSTO A FERMO. La lussuosa limousina che avevano affittato, infatti, è stata posta a fermo amministrativo. Motivo: l'esercizio abusivo del servizio di noleggio, accusa che è fruttata al titolare dell'attività non solo il fermo del mezzo, ma anche una salata multa e il sequestro della carta di circolazione.

POLIZZIOTTI IN BORGHESE TRA GLI INVITATI. Ad intervenire, dietro segnalazione, la Polizia  Municipale di  Bologna, che ha pensato di confondersi tra gli invitati alla cerimonia, celebrata sabato scorso, per cogliere con le mani nel sacco il noleggiatore abusivo.

I vigili, in abiti civili, hanno così potuto osservare e filmare con una telecamera le varie  fasi del matrimonio e il movimento della limousine: dall'arrivo in Municipio della sposa, alle foto di rito in un parco in zona Corticella, fino a seguire il corteo degli invitati presso il ristorante per il pranzo nuziale.
Qui è stato anche filmato lo scambio di denaro a pagamento della prestazione del conducente della macchina incriminata.

Al  fine di  non  turbare il matrimonio, e mantenere il massimo riserbo, i polizziotti hanno infine atteso che gli sposi congedassero l'autista. Poi sono entrati in azione. Appena ripartito dal ristorante, l'uomo è stato bloccato a bordo  del  veicolo. Scattata la contestazione dell'esercizio abusivo, gli è stata quindi applicata una sanzione di 159 €, con ritiro della carta  di circolazione e fermo amministrativo del veicolo da tre a sei mesi.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Matrimonio con limousine abusiva: sposi rischiano di restare a piedi
BolognaToday è in caricamento