menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Pendolari al gelo, mozione 5 stelle in Regione

Dopo i disagi dovuti al freddo nelle stazioni intermedie della tratta Bologna-Verona, i grillini chiedono alla Regione che vengano ripristinate le sale di attesa presenti

Sale d'attesa accessibili ai pendolari in tutte le stazioni lungo la Bologna-Verona. È quanto chiede Silvia Piccinini, consigliera regionale emiliano-romagnola del Movimento 5 stelle, in un'interrogazione presentata «dopo i gravi disservizi riscontrati nei giorni scorsi lungo la linea ferroviaria, con decine di passeggeri costretti ad aspettare i treni al freddo». Secondo Piccinini, infatti, «Scene come quelle che si sono verificate a Calderara, Bargellino, Osteria Nuova e Camposanto sono inaccettabili, ed è incredibile che pendolari che già devono far fronte alla cancellazione o al ritardo dei treni siano obbligati ad aspettare sui binari al gelo perché non hanno un posto in cui andare».

Questa, attacca l'esponente M5s, «è la dimostrazione della totale inadeguatezza della maggior parte delle stazioni lungo la Bologna-Verona, nonostante la giunta si ostini a presentare progetti di restyling che o non partono mai o non sono sufficient». Per questo la consigliera chiede alla Regione quali siano «le misure previste per render utilizzabili le sale d'attesa nelle stazioni della linea Bologna-Verona e nelle altre stazioni della regione che ne sono prive, evitando così agli utenti di aspettare i treni in luoghi esposti a temperature troppo basse, o al sole nel periodo estivo». Infatti, conclude Piccinini, «offrire ai pendolari un riparo mentre attendono il treno sia il minimo che si possa fare, e per questo ci aspettiamo dalla Regione e dall'assessore ai Trasporti Raffaele Donini una risposta e delle proposte immediate».

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Bologna usa la nostra Partner App gratuita !

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BolognaToday è in caricamento