rotate-mobile
Mercoledì, 19 Gennaio 2022
Cronaca

Candidatura dei portici a patrimonio UNESCO, via libera in giunta al piano di gestione

La delibera sarà ora sottoposta alla discussione e al voto del Consiglio Comunale

La giunta guidata da Virginio Merola ha approvato la delibera che contiene il Piano di Gestione per i portici in vista della candidatura UNESCO a patrimonio mondiale dell’umanità. La delibera sarà ora sottoposta alla discussione e al voto del Consiglio Comunale. A gennaio 2020, il piano sarà presentato alla Commissione nazionale italiana per l’UNESCO e al Centro per il patrimonio mondiale UNESCO di Parigi nel caso quella dei portici di Bologna sia la candidatura italiana per la lista dei beni patrimonio dell’umanità.

Poche settimane fa è stato firmato il Protocollo d’intesa della Cabina di regia formata da soggetti pubblici e privati che rappresentano nel loro insieme tutta la società bolognese e che si sono impegnati a collaborare per un programma comune di lavoro. La Cabina di regia ha indicato il Comune di Bologna come soggetto referente per l’UNESCO per l’attuazione, l’implementazione e il monitoraggio delle azioni previste nel piano di gestione. Per questo motivo è importante che il voto della delibera sia sottoposto al Consiglio Comunale che, in questo modo, ne farà propri presupposti e contenuti.

Il piano di gestione sarà analizzato dai commissari di ICOMOS, l’organo tecnico di UNESCO, che valuteranno come la comunità abbia programmato di prendersi cura e di tutelare i portici nel loro “eccezionale valore universale”, come è evidenziato nel dossier di candidatura, per trasmetterlo all’umanità e alle generazioni future.

 Cosa fa il piano di gestione

Analizza lo stato di fatto dei portici, le dinamiche in atto dei beni candidati e del contesto in cui si trovano. Non solo, individua tutti i soggetti portatori di interesse e definisce obiettivi e strategie. Si occupa anche di proporre interventi, valutando i possibili impatti sulla base di un set di indicatori per effettuare un costante monitoraggio.

Il piano di gestione contiene i progetti proposti non solo dall’Amministrazione comunale ma, anche, da altri componenti della cabina di regia, dalle associazioni, dalle scuole e anche da semplici cittadini. In questo modo risulterà evidente come sia tutta la comunità bolognese a prendersi cura dei portici e di come sia una volontà generale rispettarli e tutelarli.

Nel Piano di Gestione sono dunque stimate le risorse disponibili, sia quelle umane e intellettuali sia quelle finanziarie e strumentali, un cronoprogramma, un piano di comunicazione e branding. Sono identificati i target e i soggetti coinvolti e da coinvolgere e sono elencati i progetti previsti e da attuarsi sia nel breve che nel medio-lungo periodo, presentati sia da Istituzioni che da privati, Associazioni, gruppi di cittadini.

Il Piano di Gestione prevede infine un sistema di monitoraggio.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Candidatura dei portici a patrimonio UNESCO, via libera in giunta al piano di gestione

BolognaToday è in caricamento