Crollo in via del Borgo: morto al Maggiore lo studente travolto dalle macerie

E' deceduto nella mattinata all'ospedale Maggiore, dove era stato ricoverato nel reparto di rianimazione a seguito delle gravi ferite riportate

Non ce l'ha fatta lo studente di scienze statistiche pugliese Francesco Caiffa, 22enne (non 30enne, come in un primo momento appreso, ndr) rimasto ferito nella mattinata di martedì 20 ottobre durante i lavori di ristrutturazione in uno stabile in via del Borgo di San Pietro. E' deceduto nella mattinata di oggi all'ospedale Maggiore, dove era stato ricoverato nel reparto di rianimazione a seguito delle gravi ferite riportate. La famiglia, in serata, ha dato l'assenso per l'espianto degli organi.

Secondo la ricostruzione, il braccio meccanico di una betoniera ha colpito un muro che ha ceduto su una veranda dove si trovavano due ragazzi.Entrambi sono rimasti feriti. Ad avere la peggio è stato Caiffa, ricoverato all'Ospedale Maggiore in rianimazione con prognosi riservata e rimasto due giorni in bilico tra la vita e la morte. L'altro ragazzo, 20enne, ha riportato traumi al capo e alla gamba. 

Crollo in condominio durante i lavori | VIDEO  

Gli atti in Procura

La dinamica dei fatti è ancora al vaglio dei Carabinieri e dei tecnici, mentre il cantiere è stato posto sotto sequestro. La Procura ha aperto un fasciolo: le ipotesi di reato sono lesioni personali colpose, ma questo prima della tragica notizia. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mezza Italia (Emilia Romagna compresa) verso il 'giallo'. Bonaccini: "Per Natale soluzioni che evitino il tana libera tutti"

  • Il Covid fa la sua prima vittima fra i sanitari del S.Orsola: morto a 59 anni l'infermiere Sergio Bonazzi

  • Siglata nuova ordinanza. Riaperture negozi, corsi e lezioni di ginnastica a scuola: ecco cosa cambia

  • Dati Covid confortanti: l'Emilia-Romagna verso la zona gialla (ma non subito)

  • Giornata del Parkinson, le neurologhe: "Per combattere la malattia, tre tipi di terapie avanzate"

  • Dad e rendimento scolastico, il prof del Fermi: "E' dura, ma i vincenti trovano la via e non le scuse"

Torna su
BolognaToday è in caricamento