rotate-mobile
Martedì, 18 Gennaio 2022
Economia

Proroga contratti a termine nel Decreto rilancio, Ascom Bologna: "Non conoscono le realtà aziendali"

"Solo nel commercio, nella Città Metropolitana di Bologna, sono oltre mille. Le motivazioni dell’assunzione non sussistono più visto che le attività sono state sospese"

"Altro fardello sulle aziende che, a fatica, stanno provando a resistere al disastro causato dall’emergenza COVID". Lo scrive in una nota Ascom Bologna che critica aspramente il provvedimento "inaspettato e mai discusso" nella legge di conversione del Decreto Rilancio che ha previsto la proroga obbligatoria di tutti i contratti a termine per una durata pari al periodo di sospensione dell’attività lavorativa, in conseguenza dell’emergenza COVID-19.  

"Questo comporta che i datori di lavoro che avevano sottoscritto un contratto a termine, senza prevedere quanto sarebbe accaduto successivamente, si trovano obbligati a prorogare il termine originario anche se le motivazioni all’origine dell’assunzione non sussistono più anzi, molto probabilmente, non sono mai esistite visto che le attività sono state letteralmente 'sospese' per più di 2 mesi e la ripresa sta stentando come ormai purtroppo confermano i numeri. Inoltre il permanere della necessità di ridurre o sospendere i rapporti di lavoro a causa della crisi, utilizzando gli ammortizzatori sociali, comporta che di fatto la proroga dei contratti a termine diventi permanente" incalza l'associazione. 

Il provvedimento, secondo Ascom che ne chiede l'abolizione è "emanato da un legislatore che, evidentemente non conosce le realtà aziendali ma si preoccupa esclusivamente di utilizzare le imprese come ammortizzatore privato, comporta oneri straordinari, inattesi e incompatibili se legati a una prestazione lavorativa non più necessaria".

Confcommercio Ascom rende noto che nella Città Metrpolitana di Bologna, il contratto dovrà essere prorogato nel 2020 a 1.000 lavoratori a termine. 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Proroga contratti a termine nel Decreto rilancio, Ascom Bologna: "Non conoscono le realtà aziendali"

BolognaToday è in caricamento